Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Ottobre 2020

La Japanese Urban art partecipa al Pow! Wow! Festival di Long Beach

di Serena Di Giovanni
Condividi
La Japanese Urban art partecipa al Pow! Wow! Festival di Long Beach

L’impero del Sol Levante è sì conosciuto per le sue bellezze artistiche e culturali, ma anche per una certa ‘rigidità’ e conformismo nei confronti di alcune particolari forme d’arte: quella dei graffiti e dell’arte urbana, ad esempio, tradizionalmente percepite come un atto di vandalismo contro l’ordine e la pulizia del Paese. Che trovano spazio, però, in altre manifestazioni mondiali

Gli artisti di strada giapponesi, con fatica stanno cercando di affermarsi nei ‘cuori’ e nelle ‘menti’ del loro pubblico e degli amanti dell’arte in generale. Tra i più noti, Kohei Yamao, meglio conosciuto come BAKIBAKI, che ha recentemente dichiarato come in Giappone il concetto di spazio pubblico sia profondamente diverso da quello degli altri Paesi. E non mancano le sanzioni, che arrivano fino a cinque anni di carcere per coloro che vengono colti a ‘deturpare’ beni pubblici. Ma i nipponici, con la loro proverbiale genialità e fantasia, hanno trovato comunque il modo di aggirare questi divieti, attraverso performance dal vivo ed episodi di ‘live painting’, quindi pitturando i loro muri di fronte al pubblico, in Giappone e, più recentemente, nel resto del mondo. Come accaduto, nel 2015, a Tokyo, in occasione del Pow! Wow! Japan Festival, un evento artistico di interesse mondiale, ma soprattutto una preziosa occasione per spostare il pensiero dell’opinione pubblica e sensibilizzare il Giappone sull’arte di strada. Ogni anno il Festival, diretto dall’asiatico Jasper Wong e rivolto alle arti visive e musicali, si tiene per una intersa settimana in una località diversa del globo: per il 2016, le location prescelte sono state le Hawaii e, quindi, Long Beach, dove approderà dall’11 al 16 luglio, coinvolgendo, tra gli altri, i nipponici Hitotzuki e Yoskay Yamamoto. L’evento collaterale ‘VITALTIY AND VERVE: IN THE THIRD DIMENSION PARTICIPATING ARTISTS’ vedrà, in particolare, la partecipazione di Yamamoto nell’esposizione a carattere multimediale progettata dal Museo di Long Beach, che avrà come precipuo obiettivo la trasformazione del paesaggio urbano locale.  
streetartgiappone1.jpg
Dove
POW! WOW! SXSW 2016
11-16 luglio 2016
Long Beach (California)


Artisti coinvolti:
123Klan - Aaron Li-Hill - Andrew Hem - Brendan Monroe - Cinta Vidal​ - Dave Van Patten - Defer​ - Dragon76 - Edwin​ Ushiro - Ernest Zacharevic - Evah Fan - FELIPE Pantone - Gail Werner - Gary Musgrave - Hitotzuki - Hula - JaIMe Molina - James Haunt - Jeff McMillan - Kaplan​ Bunce - Kashink - MR44 - OG23 - OG Slick - Pantonio - Sarah Joncas - Sket One - Telmo Miel​ - Yoskay Yamamoto​

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale