Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
21 Luglio 2017

La Roma di Roberto Giglio

di Domenico Briguglio
Condividi
La Roma di Roberto Giglio

Mostra personale di un artista sensibile, che con le sue opere trascina il pubblico in un sogno a occhi aperti grazie ai toni sfumati dell’acquerello

Ha narrato in molteplici declinazioni dell'arte la sua Badolato, ridente e fascinoso angolo della Calabria, a tutto il mondo. Roberto Giglio, nel corso delle sue molte tappe romane (2003, 2006, 2009 e ancora nel 2011 e 2016) è stato conquistato, come tanti artisti prima di lui e come lo saranno tanti altri in futuro, dalla bellezza e dal mistero della 'città dei 7 colli'. Ecco, quindi, che ai meravigliosi ritratti delle donne di Badolato si sono sostituiti i luoghi che più si sono impressi nella sua sensibilità di artista. Contrariamente a quanto ci si potrebbe attendere, i luoghi riportati dalle tele di Roberto Giglio sono solo marginalmente quelli delle mete turistiche, le più presenti nelle opere di tutti, o quasi, gli artisti che si sono cimentati nella descrizione di Roma. Giglio predilige, invece, le strutture dell'archeologia industriale, i ponti di nuova costruzione, gli aspetti più recenti di alcuni quartieri. Perché? La sua grande sensibilità d'artista ha intuito che proprio in quelle strutture, una città così antica e celebrata esprime ancora la sua anima la quale, lungi dal cristallizzarsi nelle vestigia retoriche del passato, rivela la sua vitalità, trova le vie per palesarsi ancora e ancora, giustificando il suo soprannome di ‘città eterna’. Come lo fa? Con la tecnica forse più affascinante e complicata: l'acquerello, con i suoi toni sfumati che ammorbidiscono le strutture moderne, le trascinano in un sogno a occhi aperti, tradiscono la presenza di quell'anima, rendendola visibile allo spettatore, inducendolo a riflessioni più profonde, scostandolo dalla superficialità di un frettoloso approccio visivo. La mostra di Roberto Giglio è visibile sino al 25 settembre 2017 in via del Corso, al civico 440: uno spazio che naturalmente vira verso l'arte nel cuore pulsante di Roma, curata da chi l'arte ce l'ha nel cuore: Eleonora De Filippis.

Roberto_Giglio.jpg

NELLA FOTO: ROBERTO GIGLIO

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale