Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Settembre 2020

La forma della seduzione

di Serena Di Giovanni
Condividi
La forma della seduzione

Il corpo femminile come fonte di ispirazione per i più grandi artisti del XX secolo. È questo il filo conduttore della mostra “La forma della seduzione. Il corpo femminile nell'arte del ‘900”, a cura di Barbara Tomassi con la collaborazione di Flaminia Valentini, visibile alla Gnam (Galleria nazionale di Arte Moderna) di Roma fino al 5 ottobre 2014. 

Circa 130 opere, appartenenti alla collezione permanente, mostrano la sensualità e la sessualità della donna declinate secondo l’eterogeneità del linguaggio artistico contemporaneo. 
Il percorso espositivo si articola in 5 sezioni suddivise per tematiche legate a particolari aspetti della seduzione femminile. La prima, Le belle apparenze, mostra il nudo di donna interpretato attraverso il linguaggio visivo delle avanguardie del Novecento, che da Modigliani fino a Man Ray si esplica in un’ottica trasgressiva e provocatoria. La seconda, Seduzione/sedizione, si incentra sulla riformulazione del nudo classico attraverso il linguaggio figurativo contemporaneo. Il corpo femminile ne risulta così destrutturato, frammentato, scomposto e geometrizzato. Appartengono a questa seconda sezione opere di artisti del calibro di Gino Severini, Giuseppe Capogrossi, Carlo Carrà, Renato Guttuso e Joan Mirò, alcuni dei quali esponenti del Futurismo e del Surrealismo. In questa sezione, la lettura del corpo femminile in chiave surrealista risulta particolarmente interessante in quanto offre una immagine fortemente deformata e psicologica della sessualità della donna.La terza, l'Oggetto del desiderio, pone l’accento su alcuni particolari anatomici a carattere sessuale e sugli oggetti “feticci” investiti da implicazioni erotiche, come nel caso della donna-scarpa di Salvador Dalì. 
La quarta sezione, La bella e la bestia, verte invece sul rapporto, a carattere erotico, tra uomo e animale, o, meglio ancora, tra umano e inumano; mentre l’ultima, La bella addormentata, ha come fil rouge la dimensione onirica e sensuale del corpo femminile abbandonato al sonno, tema, di derivazione classica, ripreso dai più grandi artisti contemporanei, fra i quali Modigliani e De Chirico. 

"La forma della seduzione. Il corpo femminile nell'arte del '900"
A cura di Barbara Tomassi con la collaborazione di Flaminia Valentini
Sede: Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea
Date: dal 5 giugno al 5 ottobre 2014 
Viale delle Belle Arti 131, Roma
Ingresso per disabili: via Gramsci 71Orari di apertura martedì - domenica dalle 10.30 alle 19.30
(la biglietteria chiude alle 18.45) Chiusura il lunedì
Biglietto ingresso museo-mostra intero 12 euro, ridotto 9,50
Informazioni tel. +39 06 32298221
www.gnam.beniculturali.it 


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale