Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
26 Settembre 2020

La provocazione artistica del grande cubo

di Serena Di Giovanni
Condividi
La provocazione artistica    del grande cubo

Una grande installazione al centro del Circo Massimo di Roma: un monolite biforme ‘abusivo’, Omaggio a Mondriaan di Francesco Visalli, frutto di una provocazione artistica che fa riflettere

Un cubo colorato al centro del Circo Massimo, un omaggio a Mondrian, una provocazione artistica, un esperimento urbano, “ma anche”, ha spiegato l’autore, Francesco Visalli, “una denuncia nei confronti dell'amministrazione capitolina e delle istituzioni culturali locali che, per intere settimane, hanno completamente ignorato l’installazione”. Una ‘Place de la Concorde’, assolutamente abusiva, issata al Circo Massimo nella notte tra il 24 e il 25 novembre 2013 per rimanerci indisturbata fino al 29 gennaio, quando è stata rimossa. 
L’artista racconta che quell’opera, che non ha voluto nemmeno firmare, era e deve essere letta come un manifesto di protesta, un grido di allarme, per “darci una svegliata”. Perché il disinteresse da parte di tutti nei confronti delle opere d’arte antiche e moderne dell’Urbe sta conducendo a una progressiva perdita dell’incommensurabile patrimonio della città. 
L’installazione, da inserire nel più vasto progetto ‘Inside Mondriaan’, incita alla riflessione sul valore universale dell’arte. E Roma sembra essere avvezza a questo tipo di provocazioni artistiche. Come non ricordare, per esempio, le solenni Mura Aureliane impacchettate da Christo negli anni Settanta? Nel gennaio del 1974, l’artista di origine bulgara aveva ‘imballato’ i quattro archi di Porta Pinciana, ovvero il tratto delle antiche mura compreso, oggi, tra Villa Borghese e via Veneto. Utilizzando un tessuto in polipropilene e alcune corde in dacron, Christo aveva avviluppato entrambi i lati della cinta muraria, la parte superiore e gli archi, realizzando un’installazione che, come quella del Circo Massimo, costituiva un modo inconsueto di portare l’arte all’attenzione del pubblico. Entrambe le opere volevano, infatti, porre l’accento sul paesaggio urbano, spesso ignorato e dimenticato sia dal comune, sia dagli abitanti della città. Del resto, l’amministrazione capitolina da tempo insegna che a Roma tutto può accadere. Perfino che un monumento di tre metri per tre, composto da due tonnellate di acciaio, per due mesi rimanga collocato di fronte alla cavea del Circo Massimo, sullo sfondo delle rovine del Palatino, delle residenze di Augusto, Tiberio e Domiziano. Senza che nessuno se ne accorga o controlli le relative autorizzazioni.   (www.laici.it)

 

francesco_visalli.jpg

Francesco Visalli

Ma chi è questo artista che ha avuto l'idea di 'sfidare' la Capitale con la sua scultura d'acciaio di due tonnellate piazzata sul belvedere del Circo Massimo?

Sul suo sito www.francescovisalli.it, lui si autodefinisce 'the border line of the alternative reality". Nelle varie sezioni trovate la biografia e il suo percorso artistico. C'è anche una pagina in cui spiega il progetto "Visitare Mondriaan”, come è nato e come intende svilupparlo in futuro.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale