Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Febbraio 2024

SPACE METROPOLIZ: testimonial di buone pratiche di convivenza

di Marta De Luca
Condividi
SPACE METROPOLIZ: testimonial di buone pratiche di convivenza

È disponibile gratuitamente su http://creators.megatu.be (Multi Channel Network di Youtube in Italia, diretto da Luca Argentero) “Space Metropoliz”, il documentario poetico e acuto, diretto da Giorgio de Finis e Fabrizio Boni che racconta quella che ad oggi è l'unica occupazione a scopo abitativo sul territorio italiano ad integrare i Rom in un progetto di autorganizzazione.
Il Metropoliz è l’ex salumificio Fiorucci sito in via Prenestina 913 a Roma. Una fabbrica dismessa che si sviluppa su una vasta area nel quartiere di Tor Sapienza in cui coabitano circa duecento persone provenienti da diverse regioni del mondo: Perù, Santo Domingo, Marocco, Tunisia, Eritrea, Sudan, Ucraina, Polonia, Romania e Italia.
Il luogo è una grande architettura industriale che fino a pochi anni fa ospitava il ciclo di produzione di affettati e insaccati, oggi trasferitosi a Pomezia. La fabbrica è stata occupata nel marzo del 2009 dai Blocchi Precari Metropolitani, un’organizzazione che a Roma opera attivamente per rispondere al problema dell’emergenza abitativa, in collaborazione con Popica Onlus che si occupa della scolarizzazione dei bambini rom.
Il Metropoliz vuole essere un esempio di integrazione, recupero, autogestione e sperimentazione di una nuova convivenza urbana. La sua occupazione, infatti, ha rappresentato non soltanto una soluzioni abitativa per le molte famiglie che ci vivono, ma anche l’inizio di una esperienza multiculturale inedita, che ha come ambizione quella di restituire alla città uno spazio pubblico.
Dal 2009 è cominciata una collaborazione tra Metropoliz e il Gruppo di Ricerca “Pidgin City” dell’Università di Roma Tre, attraverso i due workshop “Metropoliz Stazione Rom/A” del dicembre 2009 e “Città Meticcia” del novembre 2010, in cui sono stati fatti interventi di auto recupero e di interazione creativa per la trasformazione degli spazi comuni (http://espaciopidgin.blogspot.com – http://pidgincity.blogspot.com).In collaborazione con alcune associazioni del quartiere di Tor Sapienza e l’Università è stato inoltre avviato un percorso di avvicinamento tra gli abitanti della fabbrica e gli abitanti del quartiere, attraverso un processo partecipativo e azioni creative, come in occasione del “Carnevale di Tor Sapienza.
Oggi il Metropoliz è diventato un luogo di incontro e di produzione culturale che ospita, oltre a molte attività sociali, un museo di arte contemporanea tra i più prolifici della capitale: il MAAM, Museo dell'Altro e dell'Altrove di Metropoliz.Un esempio per la cittadinanza, e una testimonianza per i media, impegnati attualmente ad analizzare e riportare i fatti di cui, proprio in questi giorni, è teatro il quartiere di Tor Sapienza. 
Nella sua eccezionalità Metropoliz ha dato lo spunto al docu-film: una storia di fantascienza surreale, quanto la realtà che rappresenta, che potete vedere suddiviso in episodi direttamente sul web (su http://creators.megatu.be/Space_Metropoliz/41 e su https://www.youtube.com/user/SpaceMetropoliz).


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale