Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Novembre 2017

WeFood, in Danimarca apre il primo supermercato per cibi scaduti

di Giorgio Morino
Condividi
WeFood, in Danimarca apre il primo supermercato per cibi scaduti

A Copenaghen è stato inaugurato il primo emporio nel quale vengono reimmessi in commercio prodotti alimentari o cosmetici prossimi alla scadenza o quelli che vengono scartati dai canali commerciali normali perché 'ammaccati', o brutti da vedere o che non superano l’esame al confezionamento

Un’assoluta novità che offre alla clientela prezzi tagliati dal 30 al 50%. L'iniziativa non è pensata soltanto per i clienti con i redditi più bassi. Al contrario, è nata per chi è preoccupato dalla quantità di rifiuti alimentari prodotti nella società occidentale: 1,3 miliardi di tonnellate al giorno in tutto il mondo, 700 mila solo in Danimarca.
Una battaglia contro lo spreco alimentare nata grazie a una campagna di crowdfounding su internet, che ha ottenuto più di un milione di corone (circa 150 mila euro) e che oggi consente a migliaia di persone di poter recuperare prodotti teoricamente ancora consumabili, ma lasciati sugli scaffali dei negozi e poi gettati via. “Molte persone guardano a questa iniziativa positivamente, come a un modo politicamente corretto di sfruttare le nostre risorse” ha dichiarato Per Bjerre, il promotore del progetto, il quale ha aggiunto che "se l’iniziativa dovesse riscuotere successo, allora si potrebbe addirittura pensare a un’esportazione del brand in altre città danesi e, magari, in Europa".

Supermercato_Wefood_a_Copenaghen_2.jpg Supermercato_Wefood_a_Copenaghen_4.jpg

Supermercato_Wefood_a_Copenaghen_5.jpg Supermercato_Wefood_a_Copenaghen_1.jpg

Supermercato_Wefood_a_Copenaghen_3.jpg


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale