Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
20 Maggio 2024

Il problema di Ivana

di Giovanna Albi
Condividi
Il problema di Ivana

Opera prima dello scrittore Ciro Pinto, edita da ‘Draw Up’, che travolge per la trama, le visuali introspettive e retrospettive, il ritmo narrativo: un romanzo magistrale, sullo sfondo della più generale difficoltà economica italiana

Andrea Torreggiani, giovane dirigente di un azienda in crisi del milanese, è anche un appassionato scrittore. Si trasferisce nel senese, a Cetona, ospite di un amico, per completare un suo romanzo nel quale affrontare la sua dimensione interiore e riuscire a risolvere ‘Il problema di Ivana’ (Draw Up edizioni), che dà il titolo all’opera. Qui, il ‘biondino’ dalle mille donne e sfaccettature vive con foga e passione  una storia d’amore con Laura, trovando la sua cornice nella natura, nella quale si riflette tutta l’esuberanza e la determinazione della donna, che porta avanti un progetto di rivendicazione generazionale, di contro alla capricciosa e volubile Sara, con cui pure lo scrittore imbastisce una relazione. Il suo tormento, però, è dipanare la matassa del problema di Ivana: la dirigente di un’altra azienda in crisi, espressione della più generale difficoltà economica italiana.
‘Il problema di Ivana’, opera prima dello scrittore Ciro Pinto, è un lavoro magistrale: “Un romanzo profondo, tridimensionale, in cui percezioni, odori e sapori hanno la forza di emergere come vissuti realmente”, scrive nella prefazione di Alessandro Vizzino, scrittore  ed editore di ‘Draw Up’, centrando perfettamente il pregio di questo lavoro, che seppure in una dimensione oCiro_Pinto_2.jpgnirica, è così tangibile da entrare nella testa del lettore e imporsi con la forza della parola. Il testo ripropone il tema androgino-platonico: Ivana è Andrea, l’alter ego di Laura e il rovescio di Sara. Insomma, Ivana siamo noi stessi messi di fronte alla complessità della modernità. Un nodo che va sciolto, per respirare la purezza della natura in cui si ritrova immersa Cetona (Si): un borgo incontaminato, in cui intensi sono i sapori, gli odori e i colori che mettono in movimento tutti i nostri sensi, entrando dentro la nostra psiche fino a immergerci nel flusso della narrazione, che è tutt’uno con le sensazioni che innesca grazie a una prosa fluida, elegante, a tratti ardente. Persino la natura profuma di donna e le colline diventano i seni dell’universo femminile. Una natura benevola e pregnante, come lo stile ‘virile’ di Pinto, perché ‘virile’ è il suo alter ego, Andrea: un uomo che sa parlare alle donne, che è tutt’uno con la donna stessa, fino a inglobare dentro di sé Ivana e il suo problema. La potenza del romanzo è tutta nella parola: lemmi scavati, scovati, inseguiti, ricercati, che travolgono insieme alla trama, alle visuali introspettive e retrospettive, a un ritmo narrativo che si agita senza lena, come un corpo femminile in amplesso fino al ‘plateau’. Ma nel libro c’è dell’altro: la crisi economica che coinvolge anche la ricca Milano; il destino della moderna classe operaia e di quella borghese, con le sue ribellioni. Ma soprattutto, c’è l’amore in tutte le sue manifestazioni, che pone i personaggi davanti a bivi decisionali, di fronte ai quali i buoni valori riusciranno vincenti, mentre la prosa s’impone con il suo andamento descrittivo, analitico, psicologico, in una ricerca mai paga della parola polisemica, metaforica, metonimica, pregiata, senza mai scivolare nel compiacimento narcisistico.

Ciro_Pinto_1.jpg

QUI SOPRA E AL CENTRO: CIRO PINTO, SCRITTORE

IN APERTURA: LA COPERTINA DEL ROMANZO


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale