Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
25 Settembre 2017

Acqua potabile ed energia dalle onde del mare

di Clelia Moscariello
Condividi
Acqua potabile ed energia dalle onde del mare

Utilizzare la forza delle onde per produrre energia. Un'idea che è diventata progetto a maggio di quest'anno a Beirut. A disegnare la grossa dinamo in grado di  produrre energia dal moto ondoso per fornire energia ai villaggi che sorgono a ridosso della costa della capitale libanese sono stati gli architetti Karim e Rames Najjar. Grazie al progetto Iris, la costa potrebbe risarcire moralmente, attraverso l'energia prodotta, i suoi abitanti che negli ultimi dieci anni hanno assistito impotenti a uno sviluppo residenziale che ha mirato esclusivamente al massimo profitto. Le piattaforme iris assomigliano a palpebre giganti e sfruttano la potenza prodotta dal movimento ciclico delle onde, attraverso due boe connesse alla strutture e collegate a un apposito generatore elettrico a sua volta allacciato alla rete locale.
Ma questo non è certamente l'unico modo per 'sfruttare' le onde del mare. A dimostrarlo è un progetto presentato in questi giorni dall'Universidad de Valladolid. Uno studio che riguarda l’estrazione e distribuzione di energia, in questo caso idrogeno da impiegare in pile e accumulatori e che promette di essere rivoluzionario grazie alla possibilità di trasmissione del gas senza fili. Il sistema si basa un software progettato ad hoc collegato a una piattaforma multifunzionale. Il processo avverrebbe in tre fasi. Per conoscere l'entità del flusso di energia prodotta vengono registrati i dati riguardanti altezza e durata delle onde. Poi viene dissalata l'acqua ricavando acqua potabile. La terza fase è quella di elettrolisi e compressione mirata a ottenere idrogeno. Ma come si evita la necessità dei cavi? "Il sistema consente il trasporto efficiente e lo stoccaggio di energia, – ha spiegato la squadra di studenti – evitando così il problema della necessità di una trasmissione via cavo, che comporta un significativo investimento infrastrutturale e, quindi, un aumento dei prezzi dell’energia".


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale