Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
20 Maggio 2019

Quelle basi militari che alimentano le guerre nel mondo

di Francesco Fravolini
Condividi
Quelle basi militari che alimentano le guerre nel mondo

In tempi di crisi economica e di tagli alle spese, il budget militare Usa continua a crescere, perché quello della guerra è un business enorme. La presenza militare permanente americana all'estero influisce sui rapporti di forza che governano il mercato globale e in tutto ciò fondamentale è il ruolo giocato dall'immensa rete di basi americane all'estero. Gli Stati Uniti non vogliono perdere il ruolo di prima potenza mondiale e il presidente Obama, premio Nobel per la pace, continua a ‘esportare’ la teoria che la pace si ottiene con la guerra. Intanto le basi militari americane sparse in quaranta paesi del mondo sono 716, avamposti di future guerre, ineluttabili conseguenze di interventi bellici. Nel documentario “Standing Army”, realizzato da Thomas Fazi ed Enrico Parenti, è bene in evidenza la politica estera e militare statunitense. Dopo tre anni di ricerche e di indagini sul campo, il reportage vuole dare voce alle popolazioni che convivono con i militari americani, ma si prefigge di offrire spunti di riflessione, mediante le interviste a esperti quali Noam Chomsky, Gore Vidal, Chalmers Johnson. L'elezione di Obama è stata accolta in tutto il mondo come l'inizio di una stagione politica radicalmente diversa da quella di Bush. Una nuova era storica orientata alla pace e al dialogo. Gli appassionati discorsi del neopresidente americano sembrerebbero giustificare questa speranza. Ma nell'ambito della politica estera e militare, la nuova amministrazione differisce davvero così tanto da quelle precedenti? Al di là dei titoli della stampa internazionale nonché del Nobel per la pace assegnato al presidente per le sue buone intenzioni, si scopre una realtà molto lontana da quella ufficiale: il primo budget militare del nuovo governo, ben 680 miliardi di dollari, supera persino gli ultimi stanziamenti per le truppe dell'era Bush. Dove vanno a finire tutti questi soldi? In gran parte servono a finanziare l'immensa rete di basi militari americane all'estero. Ne parliamo con Thomas Fazi, il più giovane dei due autori del libro-documentario pubblicato da Fazi Editore.

thomas_fazi.jpgThomas Fazi, perché c'è un maggiore impegno economico per la costruzione di nuove basi militari?
“I motivi sono molteplici. Molti reagiscono con stupore alla notizia che le spese militari, sotto la presidenza Obama, sono addirittura aumentate rispetto all'era Bush. Ma in realtà questa è una tendenza che si va consolidando da anni, che ha subito una drastica accelerazione in seguito agli eventi del 2001. Le spese militari negli Stati Uniti (e nel mondo) sono stabilmente in crescita dal 2001 (quell'anno ammontavano a "soli" 305 miliardi di dollari, meno della metà del budget attuale). Per alcuni la "guerra al terrore" è stata una vera e propria fortuna. Ma non c'è da sorprendersi. Dopotutto, il paradigma dominante nei circoli militari è lo stesso dei nostri gotha dell'economia: crescita infinita. Anche perché gli interessi economici in ballo sono enormi. Finché la guerra sarà così proficua, per così tante persone, non vi sarà mai pace, le basi militari sono parte integrante di questo sistema di guerra. Anzi, ne rappresentano le fondamenta. Da quando quasi ogni aspetto della loro gestione, dalla fornitura di cibo alla costruzione dei gabinetti, è stata privatizzata ed esternalizzata, sono diventate un business enorme per tutte quelle aziende che ronzano intorno al Pentagono come api sul miele, come la Halliburton, legata all'ex vicepresidente Usa Dick Cheney. A molti può sembrare paradossale che proprio in tempi di crisi economica e di tagli alle spese, il budget militare continui a crescere, raggiungendo con Obama la cifra colossale di 680 miliardi di dollari. Ma forse non è un caso. È un caso che proprio nel momento in cui il cosiddetto "consenso  di Washington" sta attraversando la sua crisi più profonda dal '29, il primato economico degli Stati Uniti è ormai apertamente minacciato dalle nuove potenze emergenti, Cina in primis, l'America stia rafforzando la morsa militare in cui stringe il resto del mondo, ampliando ulteriormente la propria rete di basi militari? E se queste fossero l'ultima risorsa a cui un impero economicamente, politicamente, culturalmente in crisi ha scelto di aggrapparsi per mantenere quei privilegi a cui non è disposto a rinunciare? La cosa più interessante è che negli Usa anche certi repubblicani, seppure per motivi economici e non etici, hanno cominciato a criticare questa logica. Ecco uno stralcio di un recente intervento della senatrice Kay Bailey Hutchinson: "Stiamo guardando a costruzioni all'estero per un miliardo di dollari, costruzioni di cui non abbiamo bisogno. Tutte queste spese fuori controllo stanno mettendo a rischio la salute degli Usa. Dopo la seconda guerra mondiale abbiamo costruito basi all'estero per aiutare la ricostruzione in tanti paesi. Abbiamo messo basi in Europa e Corea per difendere gli interessi Usa e degli alleati durante la Guerra Fredda. Ma il mondo è cambiato e anche le priorità delle nostre forze armate devono cambiare. Dobbiamo tenere maggior conto delle esigenze delle famiglie dei militari e delle aspettative dei contribuenti". Non si direbbe che a parlare sia una repubblicana”.

La politica di Obama ricalca quella di Bush? Qual è l'elemento di novità?
“Nel documentario noi ci occupiamo esclusivamente della politica estera e militare di Obama, quella che presenta la maggiore continuità con l'era Bush. È ovvio che in altri campi, dalla diplomazia internazionale alle politiche energetiche, Obama ha effettuato un cambio di rotta piuttosto drastico rispetto alle politiche del suo predecessore. Ma, come ha detto il "New York Times" in un recente articolo, "la spina dorsale della politica americana espressa da Obama resta simile a quella dell'amministrazione Bush". Abbiamo già parlato del budget militare. Purtroppo quella è solo la punta dell'iceberg. Nonostante in campagna elettorale, Obama si fosse ripetutamente scagliato contro le torture e i rapimenti segreti della Cia, egli si è rifiutato di rendere pubblici vari documenti della Cia sulle "pratiche di interrogatorio" di Bush, offrendo l'immunità agli ufficiali dell'amministrazione precedente, implicati in casi di tortura. La prigione di Guantanamo, che Obama aveva promesso di chiudere entro un anno (senza però rinunciare alla base di Cuba), rimane aperta e i suoi detenuti vengono ancora sottoposti a pratiche che molti esperti considerano alla stregua della tortura. Anzi, Obama ha ordinato l'ampliamento delle strutture di detenzione all'interno di altre basi militari, come quella di Bagram, in Afghanistan, dove le organizzazioni per i diritti umani hanno documentato vari casi di tortura e di morti sospette. Per rimanere in Afghanistan, oltre ad aver inviato altre 30.000 soldati nel Paese, l'amministrazione Obama ha anche intensificato i bombardamenti e gli attacchi aerei su presunte postazioni nemiche, provocando diverse stragi di civili (in un solo attacco, nel maggio 2009, sono morti 150 persone). Allo stesso tempo, ha aumentato l'uso del famigerato droni (veicolo aereo che vola senza l'ausilio di un pilota a bordo). In Iraq, nonostante il tanto pubblicizzato ritiro delle truppe statunitensi dal paese, il ministro della Difesa di Obama, Robert Gates, ha dichiarato che, anche in seguito al ritiro, rimarrà nel paese "una forza residua di varie migliaia di truppe americane". Si parla di 50.000 soldati, che verranno ospitati in una delle varie mega basi costruite in Iraq in questi anni, a cui gli Stati Uniti non sembrano intenzionati a rinunciare. Proprio sul fronte delle basi militari si nota la maggiore continuità tra Bush e Obama. Quest'ultimo, nonostante le continue proteste dei cittadini, ha confermato i piani per la costruzione della nuova base a Vicenza, continua a spingere per la costruzione di una nuova base militare a Okinawa, che qualche mese fa ha costretto alle dimissioni il neoeletto premier giapponese, annuncia la costruzione di nuove basi militari in Romania, in Bulgaria e in Colombia”.

L'America investe nella guerra come fosse una forma di protezione?
“La guerra è solo l'aspetto più evidente di questo fenomeno. Che gli Stati Uniti siano ricorsi all'uso della forza militare per entrare in possesso delle risorse energetiche di paesi terzi come l'Iraq, ben consapevoli che il petrolio si va rapidamente esaurendo, mi pare fin troppo evidente. Con questo documentario abbiamo voluto guardare a quello che avviene dietro le quinte. Mi viene in mente una frase del noto giornalista conservatore del "New York Times", Thomas Friedman: "La mano invisibile del mercato globale non può operare senza un pugno invisibile. McDonald's non può prosperare senza la McDonnell Douglas, il costruttore degli F-15. Il pugno invisibile che mantiene sicuro il mondo per il fiorire delle tecnologie della Silicon Valley si chiama esercito degli Stati Uniti, marina degli Stati Uniti, aviazione degli Stati Uniti e corpo dei marines degli Stati Uniti. È evidente che la presenza militare permanente americana all'estero (quello che il governo Usa chiama la sua "impronta") influisce sui rapporti di forza che governano il mercato globale. Per anni è stato detto che la globalizzazione economica ha reso obsoleti gli stati nazionali, che a governare realmente erano ora istituzioni anonime come l'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) e la Banca mondiale, che il potere centralizzato di un tempo era stato sostituito da forme più amorfe di controllo politico. Ma questa narrazione del mondo contemporaneo, sottoscritta tanto dai fautori quanto dai detrattori della globalizzazione, ignora del tutto il ruolo giocato dall'immensa rete di basi americane all'estero. È possibile considerare ben 700 strutture militari, presenti in almeno 40 paesi del mondo, una semplice nota a margine della globalizzazione, piuttosto che uno dei principali capitoli di questo fenomeno?”.

L'obiettivo di questi investimenti è quello di diventare la prima potenza mondiale?
“Gli Stati Uniti sono già la prima potenza mondiale. Direi che ormai gli sforzi militari degli Usa sono finalizzati a non perdere questo primato. La supremazia economica degli Stati Uniti è ormai apertamente minacciata dalle nuove potenze emergenti. Ciò che accadrà nei prossimi anni dipenderà proprio dalla capacità o meno degli Usa di accomodare l'emergere di nuovi poli di potere. L'idea di un conflitto armato tra Cina e Usa, per esempio, è un'eventualità fortunatamente ancora remota. Ma, come ha detto Chalmers Johnson, ex consulente della Cia ed esperto di questioni asiatiche: "La storia del Ventesimo secolo è un perfetto esempio dell'incapacità delle grandi potenze come gli Stati Uniti o la Gran Bretagna di adattarsi all'emergere di nuovi poli di potere in Germania, Russia e Giappone, il che ha finito per scatenare ben due devastanti guerre mondiali. Purtroppo sembra che una dinamica simile si stia ripetendo nel Ventunesimo secolo: non abbiamo altra scelta che adattarci all'ascesa della Cina come superpotenza, ma non si può certo dire che stiamo mostrando molto buon senso nel farlo".

Da dove provengono i soldi per alimentare i conflitti bellici?
“La questione è estremamente complessa, riguarda l'uso del dollaro come riserva valutaria mondiale. Nel 1971 il presidente statunitense Nixon annunciò che i dollari non erano più convertibili in oro, ponendo fine a quello che è stato chiamato il "gold standard". Questo inaugurò l'avvento del dollaro come riserva mondiale, svincolato oramai dalla convertibilità con l'oro. Gli Stati stranieri si ritrovarono così tra le mani  un mucchio di dollari che non potevano più cambiare in oro: potevano investirli nelle banche statunitensi oppure in buoni del Tesoro Usa, come oggi fa la Cina. Questo sistema ha spianato la strada all'egemonia del dollaro e ha conferito un potere enorme agli Stati Uniti, in quanto sono loro a stampare i dollari, e, come è noto, "colui che stampa la moneta detta le leggi". Se si pensa al fatto che tutte le transazioni petrolifere, per esempio, vengono effettuate in dollari, si comincia a comprendere il vantaggio di cui godono gli Usa. Questo è lo stesso sistema che permette agli Usa di finanziare le sue guerre, nonostante l'enorme deficit del Paese. Vista la complessità del tema, a quanto si dice molti economisti faticano a comprendere appieno, mi affiderò ora alle parole di Ron Paul, candidato repubblicano alle primarie del 2008: "La nostra strapotenza militare è diventata l’unica contropartita reale alla carta dei nostri dollari. Non ci sono paesi al mondo in grado di sfidare la nostra superiorità militare, e questi non possono fare altro che accettare la banconota che noi dichiariamo di essere l'oro del XXI secolo. Benché non si usi più l'oro, il meccanismo è lo stesso: indurre oppure obbligare paesi stranieri, mediante la propria superiorità militare e il controllo sulla stampa di moneta, a finanziare il proprio Paese (acquistando dollari). Anche se non occupiamo direttamente terre straniere per spillare oro, abbiamo sparso truppe in giro per 130 Stati del mondo. Il grande sforzo di aumentare il nostro potere nelle zone petrolifere mediorientali non è una coincidenza. A differenza del passato, non dichiariamo il possesso diretto delle risorse naturali, semplicemente continuiamo a convincerci che possiamo comprare quello che vogliamo pagando con la nostra cartamoneta. I paesi stranieri, grazie agli alti tassi di risparmio, accumulano riserve di dollari, e non mancano di restituirceli gentilmente a bassi tassi di interesse per finanziare in nostri eccessivi consumi. Sembra un gran bell’affare per tutti quanti, ma verrà il giorno in cui il dollaro, a causa del suo deprezzamento, verrà accettato un po' meno felicemente dagli Stati stranieri, o verrà addirittura rifiutato. Questo processo ha già avuto inizio, il dollaro sta iniziando a vacillare, e il peggio deve ancora venire. Ecco perché quei paesi che provano a sfidare questo sistema, come l'Iraq, l'Iran e il Venezuela, diventano nostri obiettivi per un cambio di regime". Paul si riferisce all'annuncio da parte di questi paesi di voler iniziare a vendere il petrolio in valute diverse dal dollaro, con le conseguenze che abbiamo visto. Ma come sottolinea Paul, "l'uso della forza per indurre le persone ad accettare una moneta che non ha nessuna contropartita reale può funzionare solo nel breve termine".

A Vicenza dovrebbe sorgere una base militare. Cosa ne pensa la gente?
“La maggior parte dei cittadini è nettamente contraria. La nuova base ospiterà l'intera 173a brigata aviotrasportata, che ha giocato un ruolo di spicco nelle invasioni dell'Iraq e dell'Afghanistan, ma è lecito presumere che farà lo stesso in tutti gli eventuali conflitti futuri combattuti dagli Usa. La gente di Vicenza, molto semplicemente, non vuole essere complice della violenza esercitata dagli Usa in giro per il mondo, spesso in violazione della legalità internazionale, come nel caso dell'Iraq. L'arroganza con cui gli americani, con la complicità del governo italiano, hanno imposto la base ai cittadini di Vicenza è un buon indicatore di quanto viene realmente tenuta in conto la democrazia dagli Usa e dai suoi alleati”.

Come si palesa il pacifismo di Obama, premio Nobel per la pace? Quali le sue azioni?
“Direi che non si palesa. Il suo discorso di accettazione del Nobel parla da sé. In quell'occasione Obama è stato il primo ad ammettere di essere "il comandante in capo di una nazione impegnata in ben due guerre" e che "in molti paesi oggi c'è una profonda ambivalenza nei confronti delle azioni militari", in particolare "una diffidenza istintiva nei confronti dell'America, l'unica superpotenza militare del pianeta". Sentimento, però, del tutto ingiustificato secondo il presidente, dal momento che "gli Stati Uniti d'America hanno contribuito per più di sessant'anni a proteggere la sicurezza globale, con il sangue dei nostri cittadini e la forza delle nostre armi. Abbiamo sopportato questo fardello non perché cerchiamo di imporre la nostra volontà ma per interesse illuminato". Del resto, "l'America non ha mai combattuto una guerra contro un paese democratico e i nostri amici più stretti sono governi che proteggono i diritti dei loro cittadini". Obama, nell'accettare un premio che in teoria dovrebbe promuovere la causa della pace, ha esposto la teoria, a dir poco machiavellica, secondo cui "gli strumenti della guerra possono contribuire a preservare la pace". In tale prospettiva, i soldati americani di stanza in tutto il mondo vanno visti "non come costruttori di guerra, ma come edificatori di pace". In quell'occasione il presidente non si è limitato a giustificare le azioni militari passate, ma ha persino esortato il mondo ad accettare quelle future: "Non riusciremo a sradicare il conflitto violento nel corso della nostra vita. Ci saranno occasioni in cui le nazioni, agendo individualmente o collettivamente, troveranno non solo necessario, ma moralmente giustificato l'uso della forza", anche se questo vorrà dire "agire unilateralmente, se necessario, per difendere la mia nazione". Il presidente ha concluso con l'ossimoro: "Possiamo essere consapevoli che ci sarà la guerra, nonostante questo continuare a lottare per la pace".



freccia3.jpgDA LEGGERE

standingarmy.jpg

Thomas Fazi, Enrico Parenti
Standing Army
Documentario + Libro
Fazi Editore, € 19,90

Sono oltre settecento, questa la cifra ufficiale, le basi militari americane nel mondo. Avamposti di future guerre e sempre più spesso risultato finale e ragione degli interventi militari. In Standing Army, documentario realizzato da Thomas Fazi ed Enrico Parenti attraverso tre anni di ricerche e indagini sul campo, gli autori danno voce alle popolazioni che convivono con i militari americani e attraverso le interviste ad esperti quali Noam Chomsky, Gore Vidal, Chalmers Johnson e molti altri, riflettono sulla politica estera e militare statunitense.
Standing Army è stato selezionato al Bafici-Festival Internazionale del Cinema Indipendente di Buenos Aires e al Tek Festival di Roma, dove ha vinto il Premio per la miglior Fotografia.
Il sito: http://www.standingarmy.it
Il blog: http://standingarmy.wordpress.com



freccia3.jpgGli autori

Thomas Fazi è nato nell’82, è traduttore e interprete per varie case editrici italiane.
Enrico Parenti è nato nel ’78, si è formato presso la scuola di cinema IDEP di Barcellona ed è oggi un film maker freelance. Lavora regolarmente per varie televisioni e produzioni italiane e straniere. Ha da poco finito un documentario sul problema della cecità in Etiopia e ha lavorato come direttore della fotografia su vari documentari, tra cui Giving Voice di Alessandro Fabrizi.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale