Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
14 Aprile 2021

Una portavoce italiana per la Four Winds Cherokee Tribe

di Valentina Spagnolo
Condividi
Una portavoce italiana per la Four Winds Cherokee Tribe

Raffaella Milandri, nota attivista per i popoli indigeni che da anni promuove i diritti umani e le culture dei nativi americani e di altre popolazioni, è stata designata dalla gloriosa tribù indiana come propria rappresentante ufficiale al di fuori degli States

La Four Winds Cherokee Tribe è una tribù di nativi americani appartenenti al glorioso popolo Cherokee che risiede in Louisiana (Stati Uniti). Il Consiglio tribale dei Cherokee ha perciò deciso di designare un portavoce ufficiale per l’Italia e l’Europa, al fine di creare un ponte di comunicazione mediatica tra i due continenti e far conoscere la loro piccola realtà oltre Oceano. La portavoce individuata è Raffaella Milandri, nota attivista per i popoli indigeni che da anni promuove i diritti umani e le culture dei nativi americani e di altrw popolazioni. La Milandri è ufficialmente membro onorario della tribù dal 2019 e le è stato assegnato persino un nome Cherokee: ‘Woya Unega’. Inoltre, la Milandri ha amicizie e parentele adottive anche in altre tribù native. Secondo Len Wiggins, capo della Four Winds Cherokee Tribe, “per noi era di vitale aprire connessioni in Europa, far conoscere la nostra storia e la nostra cultura, ma anche intessere relazioni internazionali. Pertanto”, prosegue il capo tribù, “sentiamo la necessità anche di contattare Papa Francesco, poiché la Milandri ha una nostra missiva da consegnare al Santo Padre. Raffaella_nomina.jpgLa realtà di noi nativi americani è poco percepita e compresa all’estero, ma noi vediamo in questa operazione una grande opportunità diplomatica di scambio equo e senza secondi fini. La fratellanza dei nativi americani in momenti delicati come questo”, spiega Wiggins, “ha necessità di essere rappresentata. Auguro alla gente d’Italia, d’Europa e a tutto il mondo di uscire al più presto dalla pandemia di coronavirus, che ha reso il mondo più piccolo”. Nel documento di designazione, in effetti, si legge: “Mrs Raffaella Milandri di San Benedetto del Tronto (Ap) è autorizzata a parlare in nome della nostra tribù: è una persona d’onore e Vi ringraziamo per il prezioso tempo che vorrete dedicare alla nostra rappresentante fuori degli Stati Uniti”. Raffaella Milandri, per parte sua, ha voluto specificare come intende sviluppare questo suo incarico: “Innazitutto”, dichiara in una nota stampa, “è per me un grande onore. La mia prima missione è di riuscire a contattare Papa Francesco per una delicata questione riguardante la tribù. Poi, ovviamente, è importante che questa delega sia ascoltata anche dalle autorità locali, regionali e governative. Le tribù indiane”, conclude la Milandri, “secondo le leggi statunitensi, sono nazioni ‘dipendenti’ dagli Usa, ma hanno giurisdizione sul proprio territorio. Si aprono, perciò, importanti scenari per dare voce anche alle minoranze”.
Per viva simpatia verso tutti i popoli nativi americani e profonda conoscenza della loro secolare condizione di isolamento, la redazione di ‘Periodico italiano magazine’ ha deciso di sostenere la richiesta del popolo Cherokee, affinché Raffaella Milandri possa ottenere udienza innanzi al Santo Padre, in nome dei nostri sentimenti di stima, umana e intellettuale, nei riguardi di Papa Francesco.

Len_Wiggins.jpg

NELLA FOTO QUI SOPRA: LEN WIGGINS, CAPO DELLA FOUR WING CHEROKEE TRIBE

AL CENTRO: IL MANDATO UFFICIALE DI DESIGNAZIONE DELLA NUOVA PORTAVOCE PRESSO L'ITALIA E LA UE

IN APERTURA: RAFFAELLA MILANDRI E LEN WIGGINS RITRATTI A MARGINE DELLA CERIMONIA DI NOMINA


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale