Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
17 Luglio 2019

Compilazione assistita: le principali novità del 730/2019

di Raffaella Ugolini
Condividi
Compilazione assistita: le principali novità del 730/2019

Dal prossimo 10 maggio 2019 è possibile compilare in modo ‘assistito’ tutto il quadro E del 730 precompilato: l’anno scorso, era possibile farlo in forma ‘guidata’ solo per le sezioni I e II del quadro E

Per modificare la dichiarazione 730, al fine di aggiungere un onere detraibile o deducibile che non rientra tra quelli precompilati, o modificare l’importo di una spesa che non corrisponde a quella sostenuta, quest’anno è possibile scegliere una modalità di compilazione guidata e semplificata che, partendo dalle spese presenti nel foglio informativo, permette di inserire nuovi documenti di spesa, oppure modificare, integrare o cancellare i dati delle spese già precompilate. E’ poi necessario solo confermare le modifiche effettuate: l’applicazione web ricalcolerà automaticamente gli oneri detraibili o deducibili (tenendo conto dei dati aggiunti o rettificati e di eventuali limiti e altre regole previste dalla legge) e a inserire l’importo totale negli appositi campi del quadro E del 730. La compilazione assistita può essere utilizzata anche per le spese sostenute per i familiari a carico. E’ sempre possibile decidere di tornare alla modalità di compilazione 'tradizionale', ossia inserire o rettificare gli importi degli oneri sostenuti direttamente nel quadro E. Per utilizzare la compilazione assistita è fondamentale seguire questo percorso:DatiAnagrafici.jpg
1) accedere alla sezione ‘Modifica il 730 e invia’;
2)
selezionare dal menù ‘Quadro E - Compilazione assistita’;
3) visualizzare i dati degli oneri comunicati all’Agenzia delle Entrate;
4) per ogni spesa è possibile: modificare una voce di spesa precompilata; escludere o includere una voce di spesa precompilata; aggiungere una nuova spesa e aggiungere una nuova voce; cancellare una voce di spesa;
5) per aggiungere una nuova voce di spesa che rientra tra gli oneri detraibili o deducibili è necessario selezionare: ‘Aggiungi una nuova spesa’;
6) per confermare i dati è  importante sempre premere 'salva'. Il pulsante si attiva solo dopo aver spuntato la casella 'Confermo di aver preso visione di tutte le voci di tutte le sezioni'. Il salvataggio dei dati comporterà il ricalcolo dei totali;
7) puoi visualizzare le spese relative ai tuoi familiari a carico selezionando il loro codice fiscale dal menù a tendina ‘Dichiarante e familiari’;
8) per confermare i dati il familiare a carico,  si deve tornare sulla pagina del dichiarante selezionando il codice fiscale e selezionare il tasto ‘salva’;
9) nel passaggio dalla modalità di compilazione assistita alla modalità di compilazione ordinaria, e viceversa, i dati inseriti o modificati non saranno conservati e saranno ripristinati i dati precompilati;
10) una volta confermati i dati inseriti o modificati, l’applicazione web ricalcola gli oneri detraibili o deducibili tenendo conto dei dati aggiunti o rettificati e di eventuali limiti previsti dalla legge e li inserisce negli appositi campi del quadro E del 730;
11)
per verificare l’inserimento degli oneri nel quadro E, seleziona dal menù ‘stampa e invia’. In questa sezione puoi visualizzare ed eventualmente stampare il tuo 730, come ultimo controllo, prima di procedere all'invio all'Agenzia delle Entrate. Il contribuente che non intende avvalersi della modalità di compilazione assistita, può continuare a utilizzare la modalità 'tradizionale', ossia inserire o rettificare direttamente gli importi degli oneri sostenuti riportandoli nei relativi campi del quadro E.

Nuovi oneri e spese
Quest'anno nella dichiarazione precompilata sono inseriti nuovi oneri e spese. Sono presenti, infatti, i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi e le spese relative ad interventi di sistemazione a verde degli immobili (bonus verde) su parti comuni condominiali. Questi nuovi oneri e spese si aggiungono a quelli già considerati negli scorsi anni dall'Agenzia delle Entrate:
a) le spese funebri;
b) i contributi versati alla previdenza complementare;
c) i bonifici riguardanti le spese per interventi di ristrutturazione e di riqualificazione energetica degli edifici;
d) le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di risparmio energetico su parti comuni condominiali;
e) i contributi versati a enti o casse aventi fine assistenziale;
f) le spese per la frequenza degli asili nido e relativi rimborsi;
g)
i contributi detraibili versati alle società di mutuo soccorso;
h)
le erogazioni liberali effettuate alle Onlus, alle associazioni di promozione sociale, alle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e alle fondazioni e associazioni aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, se comunicate in quanto l'invio è facoltativo;
i) le spese sanitarie e relativi rimborsi;
l) le spese veterinarie;
m)
gli interessi passivi sui mutui in corso;
n) i premi assicurativi;
o) i contributi previdenziali e assistenziali;
p) i contributi versati per lavoratori domestici;
q) le spese universitarie e relativi rimborsi.

Sono inoltre presenti anche gli oneri detraibili sostenuti dal contribuente e riconosciuti dal sostituto, riportati nella Certificazione Unica, nonché quelli ricavati dalla dichiarazione dello scorso anno che danno diritto a una detrazione da ripartire in più rate annuali (per esempio, le spese per ristrutturazioni edilizie o risparmio energetico).

Modello_730_2019.jpgSalva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale