Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
19 Ottobre 2018

Una nuova generazione sul palco del Teatro alla Scala

di Francesca Buffo
Condividi
Una nuova generazione sul palco del Teatro alla Scala

Il ricambio generazionale nel corpo di ballo scaligero appare come una ventata di novità per il nostro ormai impaludato mondo della cultura, ma l'Italia resta un Paese per vecchi in tutti i settori

Grande successo, in queste settimane, al Piermarini di Milano con 'Le Corsaire', firmato da Anne-Marie Holmes, che con questa versione ha vinto un Emmy Award. Un debutto e una nuova produzione che consente al grande pubblico (la replica del 16 maggio è stata trasmessa su Rai 5) di vedere una nuova generazione di talenti: i neopromossi primi ballerini/e e solisti/e del corpo di ballo del Tearo alla Scala. Sono tutti giovanissimi: Virna Toppi, Martina Arduino e Timofej Andrijashenko (rispettivamente 26, 22Timofej_Andrijanshenko.jpg e 23 anni), più i quattro nuovi solisti (l’argentina Maria Celeste Losa e la siciliana Alessandra Vassallo, il milanese Christian Fagetti e Nicola Del Freo, classe 1991, toscano di Massa). Un apporto di nuova linfa, dovuto al concorso internazionale indetto a gennaio dal teatro meneghino. Sono trascorsi solamente tre anni da quando Makhar Vaziev lasciò la direzione del corpo di ballo (oggi è alla guida del Bolshoi di Mosca), dichiarando pubblicamente: “L'Italia è un Paese per vecchi che danzano”. Un'affermazione che conclamava la regola italiana dell'immobilismo del sistema lavorativo, che impedisce il ricambio generazionale in quasi tutti i settori, in particolare, in quello della cultura. Ma quella che nei risultati appare una ‘svolta’, nella sostanza lo è un po' meno. Secondo il direttore del ballo, Frèderic Olivieri, non si tratta di una rivoluzione, bensì di un “normale ricambio”, dovuto a pensionamenti e posizioni lasciate libere da chi ha preferito l'estero alla Scala. Tutto ciò trova conferma nei successi registrati all'estero dai giovani talenti italiani della danza che hanno preferito lasciare il Paese. Come il 25enne pugliese Giovanni Rotolo, primo ballerino al Balletto nazionale di Praga, il quale non ha difficoltà ad ammettere: “A Praga, il balletto è trattato con più rispetto che in Italia, perciò non torno”. E, come lui, la pensano nche gli altri sei ballerini italiani attualmente nelle file del Nàrodni Divadlo Balet. Insomma, per poter affermare che “l'Italia crede nei nuovi talenti” è ancora un po' presto.

Virna_Toppi.jpgAlessandra_Vassallo.jpgMaria_Celeste_Losa.jpgNicola_Del_Freo.jpgChristian_Fagetti_2.jpgMartina_Arduino_2.jpg

NELLE FOTO: IN ALTO A DESTRA, UNA SCENA DE 'LE CORSAIRE'

AL CENTRO: TIMOFEJ ANDRIJASHENKO

IN BASSO, SULLA PRIMA RIGA DA SINISTRA: VIRNA TOPPI E ALESSANDRA VASSALLO

IN BASSO, SULLA SECONDA RIGA DA SINISTRA: MARIA CELESTE LOSA E NICOLA DEL FEO

IN BASSO, SULLA TERZA RIGA DA SINISTRA: CHRISTIAN FAGETTI E MARTINA ARDUINO

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale