Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Ottobre 2019

Numero 13 Luglio-Agosto 2015

di Redazione
Condividi
Numero 13 Luglio-Agosto 2015

Cari amici lettori, eccoci al nostro appuntamento mensile. Questo nuovo numero del nostro magazine è dedicato al mondo del teatro: grazie al contributo di Tommaso Sacchi cerchiamo di capire come si sta evolvendo il lavoro dei giovani performer. Segue un approfondimento con analisi e interviste ai protagonisti del Roma Finge Festival 2015. Eppoi, come di consueto, approfondimenti, interviste e news dal mondo della cultura. Buona lettura.

Vi ricordiamo che abbiamo creato un indirizzo mail (posta@periodicoitalianomagazine.it) al quale potete indirizzare lettere, materiali e suggerimenti. 

STORIA DI COPERTINA
Il coraggio di ‘fare teatro’

In un Paese dove il precariato è alle stelle, parlare di gente che decide di investire tutto (anni, sogni e impegno quotidiano) in un mestiere dove uno su un milione ce la fa e la giusta remunerazione è una chimera, può sembrare un esercizio masochistico. In questo numero parliamo di teatro, ma la questione si potrebbe estendere a tutte le figure professionali che credono nella cultura, giornalisti compresi. Perché c’è qualcosa di più del posto fisso: come l’idea balzana che una società non necessita solamente di beni di consumo materiali, ma anche di emozioni, idee, contenuti e riflessioni. Per milioni di italiani è così ‘normale’ passare intere serate davanti alla televisione, perdersi le domeniche nei centri commerciali, ambire all’ultimo modello di iphone. E se le cose vanno male la colpa è sempre di qualcun altro, non importa chi. È così semplice lamentarsi. Ma dietro molte polemiche c’è spesso una totale assenza di argomentazioni, una mancanza di analisi con cognizione di causa. Ognuno ha ragione a modo ‘suo’ e, soprattutto, sa esattamente come risolvere qualsiasi questione. Ecco perché fare cultura, così come fare teatro, in Italia è un atto di coraggio. Perché emozionare, sollecitare un ragionamento, sviluppare il senso critico del pubblico vuol dire ‘scavare’ nei meccanismi più contorti del modo di pensare della gente, delle ‘ragioni’ antropologiche di cui tutti più o meno, ma spesso del tutto inconsapevolmente, siamo vittime.
Qui da noi non è facile fare qualcosa e raramente esiste uno spirito di gruppo. Persino fra chi ‘fa teatro’ ci sono invidie, polemiche e gelosie. E il coraggio di ‘fare teatro’ è anche quello di chi crea le occasioni di cultura con un evento o un contest. Manifestazioni indipendenti dove l’organizzatore ci guadagna poco o niente (a volte ci perde addirittura), viene spesso preso a ‘calci’ dall’apparato burocratico per permessi e quant’altro e, in ultimo, viene criticato da colleghi e ‘professionisti’ del settore (persino dai diretti beneficiari dell’evento culturale che hanno avuto un’occasione di visibilità) che, loro sì avrebbero saputo fare meglio. Tutti ‘coraggiosi’ per quanto concerne la critica. Ma il ‘fare’  è tutta un’altra storia.


LA RIVISTA SFOGLIABILE (clicca e sfoglia)

issuu13_2015.jpg

 

 SCARICA LA RIVISTA SUL TUO COMPUTER freccia3.jpg Download numero 13

 

Se ti è piaciuta la nostra rivista

richiedi la newsletter settimanale

riceverai gratuitamente le nuove pubblicazioni di Periodico italiano magazine


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale