Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Ottobre 2019

Numero 22 Novembre 2016

Condividi
Numero 22 Novembre 2016

Cari amici lettori, eccoci al nostro appuntamento con la rivista sfogliabile. Come sempre, interviste e news dal mondo della cultura da leggere, commentare e condividere. La nostra copertina è dedicata aila questione culturale nel nostro Paese e ai linguaggi che si rivolgono alla pancia del pubblico. Buona lettura.

Vi ricordiamo che abbiamo creato un indirizzo mail (posta@periodicoitalianomagazine.it) al quale potete indirizzare lettere, materiali e suggerimenti. 

STORIA DI COPERTINA
Senza giudizio critico

Scrivere di cultura non è cosa semplice. A differenza del pubblico, chi per professione esprime un giudizio su un lavoro (editoriale, cinematografico, teatrale, televisivo, musicale), più che tenere conto di ciò che gli piace, analizza il prodotto a 360 gradi. Con questo non si vuole negare la capacità critica del pubblico stesso, bensì sottolineare che gli elementi di analisi sono più complessi . Laddove sono stati utilizzati da autori, registi o attori, gli elementi seduttivi della battuta ‘volgare’ volti a suscitare una risata ‘grassa’ o del politicamente corretto, strumentalizzato per suscitare consenso, il critico non si lascia infatuare e analizza cosa è ‘stato messo lì’ in modo superficiale, cerca gli elementi di originalità, veridicità e valore reale o artistico di ciò che ha davanti. Pochi giorni fa, leggendo di un progetto di sperimentazione avviato dalla Regione Toscana per la formazione del pubblico teatrale ho trovato questo passaggio: “Il pubblico che assiste a uno spettacolo teatrale potrebbe e dovrebbe essere un interlocutore vitale di una comunicazione culturale complessa e non un semplice utente-consumatore di un prodotto culturale. Per rendere fecondo il rapporto del pubblico con lo spettacolo teatrale è utile un lavoro promozionale, che conduca a elevare la qualità della fruizione dello spettatore”. Ed è proprio sulle ultime parole “elevare la qualità della fruizione dello spettatore” che mi vorrei soffermare. Perché lo spettatore italiano, suo malgrado, è il frutto di ciò che ha visto (o non visto) negli ultimi anni. Di quella televisione che prolifica di programmi dove la cultura ha ben poco spazio, dove la dialettica è declinata in urla, dove si ascolta l’opinione di tutti a prescindere. Il pubblico è importante solo in quanto audience e lo si seduce dandogli uno spazio di espressione spopositato. Si è passati da ‘la storia siamo noi’ a ‘la storia sono io’. Tutto ciò si riflette in un’assenza di punti di riferimento che impoverisce la capacità critica. E fra quegli spettatori ci sono i giovani autori, attori, registi e artisti, ai quali è impedito l’accesso a un qualsiasi apprendistato. La cultura del futuro che cresce con il fai-da-te, con l’autoproduzione e la disperata arroganza di chi vuole dimostrare di poter essere. Che mal digerisce i giudizi della critica e ‘strizza l’occhio’ al giudizio del pubblico. Per dirla alla Nino Frassica: “Non è bello ciò che è bello, ma che bello, che bello, che bello....”. Sì, lo spettatore è stato premiato con la non conoscenza. Ed evito volutamente il termine ‘ignoranza’ per non colpire la pancia e tentare di arrivare alla testa.


LA RIVISTA SFOGLIABILE (clicca e sfoglia)

issuu22_2016.jpg

 

 SCARICA LA RIVISTA SUL TUO COMPUTER freccia3.jpg Download numero 22

 

Se ti è piaciuta la nostra rivista

richiedi la newsletter settimanale

riceverai gratuitamente le nuove pubblicazioni di Periodico italiano magazine

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale