Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
20 Maggio 2024

Numero 63 Estate 2021

Condividi
Numero 63 Estate 2021

Ecco il nuovo numero di Periodico italiano magazine​. Questo mese in copertina: Mettetevi s(comodi) - Che sia colpa di un malinterpretato diritto di libertà o della confusione generata dalle fake news poco importa: le distinte linee di pensiero sono molto diverse tra loro e, in quest’ultimo anno, la società è apparsa così divisa sui grandi temi che la riguardano. Come sempre, poi, interviste, analisi e approfondimenti. Buona lettura!

Vi ricordiamo che abbiamo creato un indirizzo mail (posta@periodicoitalianomagazine.it) al quale potete indirizzare lettere, materiali e suggerimenti. 

PRIMO PIANO
Cento sfumature di opinioni e convinzioni

Potremmo parlare del ddl Zan, di immigrazione o piuttosto di green pass: alla fine, la tematica ha poca importanza, perché su ogni questione ormai lo scontro di idee va ben oltre il semplice dibattito. La questione è più complessa:  la divergenza di opinioni sta creando delle fratture molto profonde nella nostra società. E non è neanche più determinata dalla politica. L’impressione è, piuttosto, che sia stata generata da una concausa di elementi di cui l’evento pandemico ha rappresentato il punto finale di caduta. Una discesa agli inferi del ragionamento collettivo di una società che appare in stato confusionale acuto. Un esempio? Dopo mesi di discussioni sull’effetto negativo delle fake news, adesso ci ritroviamo di fronte a gruppi ‘convinti’ che i veri diffusori delle ‘false notizie’ siano proprio i quotidiani e i telegiornali nazionali. Negli ultimi mesi sono stati tanti i casi di giornalisti che hanno segnalato  una sorta di dispezzo diffuso nei confronti della loro professione. Io stessa mi sono sentita chiedere da una no-green pass che tipo di giornalista fossi, perché a sentire lei, la società sta subendo una sorta di imposizione nazista e lavaggio del cervello da parte del governo e delle case farmaceutiche. Sentire che i telegiornali Rai sono degli imbrogli e che i programmi ‘giusti’ (quelli che dicono la verità, tipo l’esistenza di un ‘piano Kalergi’) sono blog di ‘controinformazione’ gestiti populisticamente al pari di alcuni Partiti politici, è sconfortante. Difficile frenare, a questo punto, la penetrazione dei social media nella quotidianità degli italiani e la possibilità di ognuno di poter affermare un’idea ‘spacciandola’ per verità assoluta. In questo incontrollato flusso di incultura, se veramente si vuole capire meglio una questione non sono certo i post di facebook o gli articoli di blog  privi di fonti bibliografiche ad aiutare. Per avere qualcosa da dire, non bastano opinioni basate su alcuni scarsi elementi. Gli stessi giornalisti, per scrivere devono leggere e informarsi. Allora, se dovete parlare di argomenti ‘scomodi’ quali omofobia, eutanasia, democrazia o quant’altro, cominciate con qualche bel libro (qui di seguito ve ne proponiamo diversi). Leggete, fatevi un’opinione su informazioni concrete e, soprattutto, se esprimete una vostra idea, imparate ad argomentare. Intendiamoci, non dobbiamo pensarla tutti allo stesso modo. Tuttavia, che il confronto sia a un livello più elevato di una sciocca ‘discussione da bar’. Ne usciremo tutti migliori. 


LA RIVISTA SFOGLIABILE (clicca e sfoglia)

issuu63_2021.jpg

 

 SCARICA LA RIVISTA SUL TUO COMPUTER freccia3.jpg Download numero 63

 

Se ti è piaciuta la nostra rivista

richiedi la newsletter settimanale

riceverai gratuitamente le nuove pubblicazioni di Periodico italiano magazine

Abitiamo ciò che conosciamo


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale