Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
29 Maggio 2022

Per capire l'Europa

di sbilanciamoci.info
Condividi
Per capire l'Europa

Con due e-book scaricabarili gratuitamente in rete, sbilanciamoci.info affronta il dibattito su “La rotta d'Europa”. Le analisi sull'economia, gli interventi sulla politica, le riflessioni nella fase più calda e tragica dell'unione. 

L’Europa ha perso la strada, e rischia di perdere se stessa. È stata colpita dalla crisi finanziaria nata nel 2008 negli Stati Uniti e ha permesso che si trasformasse in una grave crisi del debito pubblico, che ha travolto Grecia, Portogallo, Spagna e Italia, mettendo in pericolo la solidità dell’Unione e l’euro. Nel 2012 l’insieme dell’Europa è in recessione e le politiche di austerità stanno aggravando i problemi anziché risolverli. A Bruxelles, a Berlino e a Roma le politiche liberiste lasciano fare alla finanza, tagliano la spesa pubblica, peggiorano le condizioni di vita, non progettano uno sviluppo diverso, avvicinano una nuova grande depressione. Non è una strada obbligata. Trovare una via d’uscita dalla crisi è possibile, cambiare direzione alla politica europea e italiana è necessario. 
Sono questi i temi affrontati nel dibattito su “La rotta d’Europa” aperto nell’estate 2011 da Rossana Rossanda e animato da 50 interventi, apparsi su sbilanciamoci.info, sul manifesto e, nella versione inglese, su opendemocracy.net, che sono ora raccolti in questi due “sbilibri”.
Il primo volume de “La rotta d’Europa” si apre con le domande poste da Rossana Rossanda, le prime risposte sui “perché della crisi” di Mario Pianta, le interviste a Luciano Gallino e Giorgio Lunghini, le analisi sull’economia europea. La sezione sulla finanza affronta le radici della crisi e le possibilità di limitare la speculazione. Due testi propongono poi di “ritornare alle nazioni” come reazione alla crisi, mentre le sezione finale è dedicata a disuguaglianze e lavoro.
Il secondo volume, aperto da Guglielmo Ragozzino, parte da qualche “lezione di storia” sul passato dell’Europa, esamina le istituzioni europee e le politiche che le caratterizzano, pone i problemi dell’ambiente e dei beni comuni, analizza i movimenti sociali e passa in rassegna le risposte dei politici, con un’intervista di Rossana Rossanda a Giuliano Amato e interventi – tra gli altri – di Stefano Fassina, Monica Frassoni e Fausto Bertinotti. L’ultima parte del volume tira le fila della discussione e di “che cosa si può fare”, con una ricostruzione della traiettoria della crisi di Domenico Mario Nuti, una sintesi del dibattito di Claudio Gnesutta, la proposta di alternative di Mario Pianta e le conclusioni di Rossana Rossanda.
Di questi temi si è parlato al Forum “La via d’uscita. L’Europa e l’Italia, crisi economica e democrazia” che Rete@sinistra, Sbilanciamoci, Il manifesto e Lavoro e libertà hanno organizzato il 9 dicembre 2011 a Firenze. Un incontro a cui hanno partecipato 800 persone (i video dei lavori si possono scaricare dal sito sbilanciamoci.info). Da Firenze è nato l’appello europeo “Un’altra strada per l’Europa” che trovate in chiusura di questi materiali e che promuove nel maggio 2012 un incontro al Parlamento europeo di confronto tra le reti europee, gruppi di esperti, sinadacalisti e le forze politiche del Parlamento europeo sulle proposte di nuove politiche per uscire dalla crisi. 
La chiave di lettura proposta dal dibattito è che – come dichiara l’appello “Un’altra strada per l’Europa” – “l’Europa è in crisi perché è stata sequestrata dal neoliberismo e dalla finanza. Negli ultimi vent’anni il significato dell’Europa – con un persistente deficit democratico – si è sempre più ridotto a una visione ristretta del mercato unico e della moneta unica, portando a liberalizzazioni e bolle speculative, perdita di diritti ed esplodere delle disuguaglianze”. Le risposte della politica sono state i salvataggi delle banche, le misure di austerità, le riduzioni dei salari e dei diritti dei lavoratori, con un approccio liberista sempre più ideologico. Queste politiche non risolvono la crisi, portano l’Europa verso una grande depressione, riducono gli spazi di democrazia. È il momento di cambiare rotta, per l’Europa e per l’Italia. 

freccia3.jpg

Indice dei volumi

 

Volume 1. L’economia

Presentazione

Le domande
Le crisi senza Unione. Rossana Rossanda

L’economia europea e la crisi
I perché della crisi. Mario Pianta
L’Europa della troika. Intervista a Luciano Gallino
Se governa la finanza. Intervista a Giorgio Lunghini
L’euro come scialuppa di salvataggio? Immanuel Wallerstein
Oltre l’euro. Claudio Gnesutta
La politica del pensiero unico. Guido Viale
Se la politica si riprendesse la moneta. Daniela Palma, Paolo Leon, Roberto Romano, Sergio Ferrari
L’idea di Europa fra utopia, realismo e lotta. Sergio Cesaratto
All’Europa serve un “new deal” di classe. Riccardo Bellofiore
Un contratto sociale per gli indignados d’Europa. Nicola Melloni
Europa: l’eclisse della ragione e della democrazia. Sergio Bruno
Crisi in Europa e Usa. Se una marziana ci visitasse... Grazia Ietto-Gillies
La grande crisi, l’Unione europea e la sinistra. Felice Roberto Pizzuti
Se il paradiso fiscale è l’Europa. Andrea Baranes
L’economia e i cerchi del potere. Susan George

La finanza
Gravemente instabile. L’Europa della finanza. Vincenzo Comito
Le disavventure della Banca centrale europea. Pitagora
I veri creditori siamo noi. Autori vari
Il diritto al default come contropotere finanziario. Andrea Fumagalli
Finanza, l’ultima occasione per un’altra Europa. Antonio Tricarico

Ritornare alle nazioni?
L’uscita dall’euro prossima ventura. Alberto Bagnai
Gli europei e il protezionismo. Intervista a Philippe Murer. Anna Maria Merlo

Lavoro, salari, disuguaglianze
La crisi europea e la dinamica dei salari. Andrew Watt
Grande Europa, grandi disuguaglianze. Maurizio Franzini
Lavoro, alla ricerca del nuovo paradigma. Francesco Garibaldo, Gianni Rinaldini

 

Volume 2. La politica

L’Europa di spade e di denari. Guglielmo Ragozzino

Lezioni di storia
Da Versailles a Maastricht. Annamaria Simonazzi
L’impossibile ritorno al mondo di prima. Roberto Schiattarella
Ripartiamo dai princìpi. Francesco Ciafaloni

Istituzioni e politiche europee
Quando l’Europa ha svoltato a destra. Bengt-Åke Lundvall
Germania: un’isola felice che sente l’assedio. Ulrike Guérot
Europa, la politica che manca. John Palmer
Lo stato dell’Unione, tra mercato e democrazia. Claudio De Fiores
Solo un Leviatano può salvarci. Gianni Ferrara
L’Europa incompiuta e la governance sbagliata Isidoro. Davide Mortellaro
Europa, occupiamo lo spazio comune. Ugo Mattei
Pareggio di bilancio, maneggiare con cura. Paolo De Ioanna

Ambiente e beni comuni
Avanti tutta. Per l’Europa verde. Sergio Andreis
Per una comunità europea dei beni comuni. Riccardo Petrella
La crisi ambientale e la soluzione dei beni comuni. Giovanna Ricoveri

Politica e società
Movimenti e democrazia. Le piazze dell’Unione. Donatella Della Porta
Europa, la crisi dalle molte teste. Mary Kaldor
La difficile Europa della democrazia partecipata. Laura Balbo

Che cosa rispondono i politici
L’Unione che serve. Intervista a Giuliano Amato. Rossana Rossanda
L’Europa salvi l’Europa. Stefano Fassina
Cambiare strada per un’altra Europa. Roberto Musacchio
L’Europa che c’è, e la politica per cambiarla. Monica Frassoni
Merkel-Sarkozy: un vertice contro l’Europa. Alfonso Gianni
Questa crisi è un’occasione. Fausto Bertinotti

Che cosa si può fare
Le strategie di uscita dalla crisi dell’euro. Domenico Mario Nuti
Finanza forte, politiche deboli. Una sintesi del dibattito. Claudio Gnesutta
Correzione di rotta. Economia e democrazia in Europa. Mario Pianta
L’Europa e noi, tra passato e futuro. Rossana Rossanda
La rotta d’Europa, una discussione a Firenze. Rossana Rossanda

L’appello europeo
Un’altra strada per l’Europa

freccia3.jpg

Tutto il materiale è scaricabile gratuitamente, le sottoscrizioni sono libere e gradite

sbilanciamoci.info è un portale d'informazione e dibattito per il quale scrivono economisti, ricercatori, giornalisti, studenti, operatori sociali, sindacalisti. È collegato, attraverso la campagna Sbilanciamoci!, a una vasta rete di associazioni, organizzazioni, movimenti.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale