Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
24 Gennaio 2022

Giovani italiani e lussemburghesi insieme per celebrare l'Europa

di Elena Rossi
Condividi
Giovani italiani e lussemburghesi insieme per celebrare l'Europa

Un’esibizione canora tra il gruppo musicale ‘Il Coro che non c’è’ e gli allievi della scuola europea di Lussemburgo, con l’intento di interpretare in una chiave originale la Festa dell’Europa, molto sentita in Lussemburgo, Paese fondatore come l’Italia

In occasione della Giornata dell’Europa 2021, l’Ambasciata d’Italia in Lussemburgo ha voluto celebrare l’importante ricorrenza del 9 maggio, inserita ufficialmente nel calendario delle festività nazionali lussemburghesi dal 2019, organizzando un’esibizione virtuale de ‘Il Coro che non c’è’. L’iniziativa si è tenuta in collaborazione con la Scuola europea di Lussemburgo, che accoglie al proprio interno una sezione italiana frequentata da centinaia di alunni dei cicli dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado. Fondato a Roma da Ludovico (Dodo) Versino, già direttore di numerose formazioni corali, ‘Il Coro che non c’è’ è un ‘ensemble’ composto da una rete fluida e mutevole di giovani provenienti dai vari licei capitolini, le cui recenti esibizioni audiovisive, svoltesi in digitale a causa delle restrizioni legate alla pandemia, hanno fatto registrare numerosissime visualizzazioni, a riprova della qualità del progetto sotto il profilo artistico ed educativo. Con l’intento di interpretare in chiave originale e giovanile lo spirito della Festa dell’Europa, molto sentita in Lussemburgo, Paese fondatore come l’Italia, l’idea che sta alla base dell’evento è quella di creare un ponte tra il gruppo musicale italiano e gli allievi della Scuola europea di Lussemburgo, per dare vita a un’esibizione canora comune. Fondata nel 1953 dall’allora Ceca (Comunità europea del carbone e dell’acciaio, ndr), di cui quest’anno ricorre il settantesimo anniversario del Trattato istitutivo, la Scuola europea di Lussemburgo fu la prima istituzione scolastica comunitaria dall’avvio del processo di integrazione, dando lo slancio necessario all’armonizzazione dei programmi scolastici nazionali degli Stati membri. Il video dell’evento è stato trasmesso in anteprima sul sito dell’Ambasciata il 7 maggio scorso. In apertura, l’Ambasciatore d’Italia in Lussemburgo, Diego Brasioli, si è intrattenuto con i giovani interpreti che hanno aderito all’iniziativa, sia dall’Italia, sia dal Lussemburgo.

Il_coro_in_Lussemburgo.jpg


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale