Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
25 Settembre 2020

#iloveItalia: l'appello all'unità di Vanity Fair

di Dario Cecconi
Condividi

#iosonoMilano e #iosonolamiacittà sono stati solo il punto di partenza: adesso, la campagna sociale di sensibilizzazione è diventata, a tutti gli effetti, internazionale
I_love_Italia_Copertina_Articolo.jpg

‘Vanity Fair’ è riuscita a superare le barriere, i confini del nostro Paese. Oggi, grazie a #iloveItalia, tutto il mondo è unito contro il coronavirus. Star e personalità di rilievo internazionale che hanno avuto un rapporto speciale con l’Italia e con la testata giornalistica diretta magistralmente da Simone Marchetti, hanno dato voce, sui social e non solo, al desiderio viscerale di non perdere mai la speranza e si sono unite contro il virus. In queste settimane, i network sono letteralmente impazziti per questa nobile iniziativa: #iloveItalia è, infatti, un appello all’unità, alla forza, alla razionalità e all’amore per il mondo che vuole raggiungere chiunque. Mai cedere, mai perdere la forza per rialzarsi, perché ad attenderci, alla fine della sfida, ci sarà un futuro splendente. Da alcune settimane, purtroppo, il Covid-19, malattia respiratoria acuta da Sars-CoV-2, sta mietendo moltissime vittime in tutto il mondo, tra coloro che ne sono contagiati. ‘Vanity Fair’, a fianco dei tantissimi operatori sanitari, delle persone che hanno contratto il virus e delle loro famiglie, ha sin da subito desiderato lanciare questo grido d’amore e di positività, al quale si sono uniti davvero in tanti. Tutti insieme contro il virus, consapevoli che il potere della speranza arriverà a salvarci solo dopo un’attenta comprensione e rivalutazione di quello che stiamo vivendo. Abbiamo bisogno di guardare oltre noi stessi, di valicare gli steccati di una vita che trascenda il perimetro delle nostre singole ed egoistiche preoccupazioni. Perché il valore della vita non è racchiuso in noi, ma nel dialogo misterioso tra la nostra dimensione e quella del mondo che ci circonda e, allo stVanity_Fair_2.jpgesso tempo, ci ‘contiene’ tutti, indistintamente.

Alcuni nomi
Tra i numerosi volti di rilievo internazionale che hanno risposto all’appello di ‘Vanity Fair Italia’, che abbiamo desiderato inserire nella nostra foto di 'apertura', troviamo:

Filippo Belletti: 45anni, modello italiano, manager di eventi e presentatore, molto legato alla città di Bergamo.

Robert De Niro: 76 anni, attore, regista e produttore cinematografico statunitense con cittadinanza italiana.

Marcello Nuzio: 32 anni, ballerino professionista, protagonista indiscusso di competizioni di rilievo nazionale e internazionale.

Antonia Liskova: 43 anni, famosa attrice polacca naturalizzata italiana.

Manuel Aspidi: 32 anni, artista musicale di rilievo internazionale. Tra le voci più apprezzate da pubblico e critica, nel panorama musicale italiano ed estero.

Maria Šarapova: 32 anni, ex tennista russa. Considerata una delle più forti sportive dell'epoca contemporanea, è entrata nella storia per aver vinto il torneo di Wimbledon all'età di soli 17 anni.

Jon Kortaiarena: 34 anni, modello, uomo immagine e attore spagnolo.

Malcom Raffaello Creatore: 42 anni, showman, ballerino e interprete musicale, particolarmente legato agli Stati Uniti d’America.

Vanity_Fair_cover_Io_sono_Milano.jpg


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale