Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
21 Aprile 2019

Il mare, come il pensiero, non si può bloccare

di Silvia Mattina
Condividi
Il mare, come il pensiero, non si può bloccare

Nella profondità della penna e nella precisione della lingua, Floriana Porta, poetessa torinese, esprime la sua riflessione esistenziale attraverso un'unica tematica: il mare. Un'esplorazione dei fondali marini che riflette la complessità del vivere fatta di tante sfumature e contraddizioni

L'ultima raccolta di poesie di Floriana Porta, 'Quando sorride il mare' edita da AG Book Publishing, ha come protagonista il mare che diviene uno strumento con il quale l'autrice riesce a catturare sia attimi fuggenti che stati d'animo profondi, quanto gli abissi marini.
La scelta di questo soggetto ha implicato per Floriana una grande sfida da affrontare per non rischiare, come lei stessa ha affermato, di 'cadere nella banalità'. Floriana ha ovviato al pericolo di 'stuccare' i lettori trasmettendo in queste poesie armonia ed equilibrio, perchè il mare come il pensiero non si può bloccare, se non fissarlo in quei momenti di apparente quiete che precedono il tempestoso fluire delle acque prima dell'alta marea.

Floriana Porta, com'è stato il suo primo approccio alla scrittura?

"La poesia, insieme al disegno, è una passione che mi accompagna fin da quando ero bambina. La mia prima poesia la dedicai a Ernesto, il mio nonno paterno, che morì in seguito ad un brutto male; non sapendo come sfogare tanto dolore per la perdita di un nonno che amavo tantissimo, scrissi i miei primi versi su un foglio, che tuttora conservo tra i miei ricordi più cari”.

Ci spiega cos'è esattamente l'haiku?
"L'haiku è un frammento di vita, un fotogramma che coglie l'attimo, "congela" un momento”.

Il privilegiare, nella sua poetica, l'uso degli haiku deriva da una passione per il mondo orientale o tale scelta dipende dalla costante ricerca della rappresentazione del mondo naturale?
"Tutte e due le cose: deriva dal mio amore verso le antiche tradizioni giapponesi (legate allo Zen, alla spiritualità e alla meditazione) e da una ricerca poetica legata alla rappresentazione della bellezza della natura che, grazie all'haiku, viene 'concentrata' in soli tre versi”.

L'estrema concisione dei versi scandisce il passaggio di scene rapide ma intense che lasciano spazio all'immaginazione, a quali suggestioni vuoi condurre il lettore?
"L'haiku lo immagino come un quadro astratto: ogni lettore lo 'legge', e quindi lo interpreta, secondo la propria sensibilità".

Il mare è descritto forte, burrascoso ma anche dolce e accogliente tanto da sembrare amico e nemico dell'essere umano. La contemplazione del mare è anche riflessione sul mistero dell'esistenza umana?
"Il mare, come il cosmo, rappresenta quell'infinito mistero che l'uomo non riuscirà mai a comprendere del tutto. La poesia aiuta l'uomo a riflettere su quelle tematiche spirituali che vanno oltre l'umano".

I suoi molteplici interessi (fotografia, pittura, design e paleontologia) emergono nella silloge? Nel caso esista questa correlazione in quale poesia si esprime più chiaramente?
"Penso emergano nella poesia 'Acque primordiali' (a pag.8 del libro): i fossili, i sedimenti e le tracce del passato rappresentano l'immenso 'oceano delle origini', quell'antico 'brodo primordiale' dal quale ha avuto origine la vita".

In una società così tecnologica e frenetica, la poesia può rappresentare ancora un barlume di speranza per il raggiungimento della felicità assoluta?
"Il tema della felicità è stato trattato da molti poeti, ma pochi l'hanno davvero conquistata. Io credo che l'obiettivo della poesia non sia la felicità, piuttosto la ricerca dell'equilibrio, dell'armonia e della serenità".

Floriana Porta è poetessa, fotografa e pittrice e collabora con diversi siti letterari. Dal 2013 fa parte della giuria Premio Italia Mia- Viaggio sentimentale in Italia, bandito dall'Associazione Italiana del Libro.
Quando sorride il mare è una silloge che si articola in tre parti composte di cinquantacinque poesie e diciotto brevi componimenti della tradizione giapponese, gli haiku. La scelta degli haiku non è limitata a questa pubblicazione, infatti,  la poetessa torinese è membro del Concorso Internazionale Poesia Haiku, organizzato ogni anno dall'Associazione culturale Cascina Macondo e giunto alla sua dodicesima edizione.


quando_sorride_il_mare.jpg

Quando sorride il mare

Floriana Porta
AG Book Publishing, Collana "Le Cetre"
Formato: cm 12 x 16,5
Pagine: 64
Volume in brossura
Prezzo: € 9,90


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale