Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
14 Aprile 2021

Porsche Boxster: una supercar sportiva da sogno

di Andrea Giulia
Condividi
Porsche Boxster: una supercar sportiva da sogno

La tecnica della pista mutuata per l’uso su strada. Con un motore a sei cilindri boxer disposto in posizione posteriore centrale, la roadster tedesca offre una guida equilibrata e un‘elevata dinamicità, soprattutto in curva. Tutto a un prezzo interessante, sempre che si sappia 'resistere' ai numerosi e intriganti optional tecnici. E poi, chi non ha mai desiderato di guidare una Porsche?

Non fatevi ingannare dalle foto: vista dal vivo questa agile rodaste è ancora più affascinante. Più lunga di sei centimetri, più bassa, con una forma piu slanciata e dinamica. Il concetto di motore centrale (che appartiene a Porsche) offre vantaggi evidenti: il baricentro è basso e centrale, il peso è distribuito uniformemente fra asse anteriore e posteriore. La Porsche Boxster S è una vettura che si può sfruttare con grande gusto anche su strada, e non solo in pista. Anche se la guida è comunque sportiva: si guida 'lunghi' nel sobrio abitacolo che si distingue per il tunnel della trasmissione che si inclina verso la consolle e porta la leva del cambio più vicina al volante. Ci si trova piuttosto bassi e distesi, quindi, ma le regolazioni sono precise (l’altezza della seduta si registra manualmente, mentre l’inclinazione dello schienale si modifica elettricamente) e si trova facilmente l’impostazione corretta. L'abitacolo, in ogni caso, rispetto alla serie precedente si è guadagnato qualche centimetro in altezza e pure in larghezza.
Ottimo il comfort di marcia a capote chiusa, ma basta un piccolo gesto per attivare il sistema di apertura e chiusura elettrica (anche con l’auto in movimento, fino a 50 km/h) che in soli 9 secondi la silenziosa coupé si trasforma in roadster. Una guida a cielo aperto godibile senza essere troppo disturbati dai vortici d’aria: basta tenere i cristalli alzati e disporre del frangivento posteriore.
Gradevole anche la nuova strumentazione a tre elementi, col contagiri al centro, il tachimetro a sinistra e a destra un display lcd che può riprodurre anche le immagini del navigatore satellitare.
Ma più di tutto la Porsche Boxster S offre prestazioni di altissimo livello: è in grado di toccare i 200 orari con partenza da fermo in poco più di 17 secondi, sfruttando il migliorato allungo del motore, quanto di riprendere da 70 a 200 in Drive in appena 15,4. Con il cambio manuale a 6 marce a innesto preciso, presente di serie, la Boxster accelera da 0 a 100 km/h in soli 5,8 secondi.
I motori dispongono, di serie, iniezione diretta (DFI) e VarioCam Plus. E di tecnologie efficienti come la funzione automatica Start-Stop, che spegne il motore, se ad esempio siete fermi ad un semaforo, disinnestate la marcia e rilasciate il pedale della frizione. Nelle vetture con cambio a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) è sufficiente azionare il pedale del freno a vettura ferma. I sistemi audio e di comunicazione continuano a funzionare anche a motore spento.
Naturalmente la differenza la fanno anche le dotazioni opzionali: cambio Pdk, sospensioni a controllo elettronico, Porsche torque vectoring, pacchetto Sport chrono, cerchi da 20". Dimenticatevi però il prezzo di listino. Ma chi, questo tipo di sfizi se lo può concedere, avrà un'auto unica.

porche_boxster_1.jpg

porche_boxster_2.jpg

porche_boxster_3.jpg


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale