Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
21 Novembre 2017

In India i taxi diventano opere d'arte

di Silvia Mattina
Condividi
In India i taxi diventano opere d'arte

Grazie a un progetto lanciato a Mumbai, trenta designer emergenti hanno progettato i rivestimenti dei sedili interni delle auto destinate al trasporto pubblico: la creatività entra prepotentemente nella quotidianità dei cittadini e ne trasforma la percezione

La raccolta fondi del progetto 'Taxi Fabric', diretto da Sanket Avlani, Mahak Malik, Nathalie Gordon e Girish Narayandass, ha superato di gran lunga le aspettative degli organizzatori, dimostrando l'esigenza degli abitanti di Mumbai di vedere l'arte anche nelle sue forme quotidiane. Un viaggio in un taxi dagli interni decorati diviene un'esperienza particolare e unica anche per il cittadino, che non ama recarsi nei musei a vedere opere d'arte. La creatività entra così prepotentemente nella quotidianità e ne trasforma la percezione. Nella capitale dello stato di Maharashtra, il taxi è un vero e proprio status symbol con 55 mila autovetture in circolazione e tra i taxisti, ogni giorno, si consuma una spietata competizione sui gadget da vendere, senza tener conto della squallida tappezzeria degli interni. Per il momento, tale lacuna è stata colmata grazie ai 16 mila dollari raccolti attraverso la piattaforma Kickstarter per decorare i 26 kaali-peeli, i taxi gialli e neri, con stampe di varie forme e linguaggi tipici della tradizione culturale indiana. 
Un'iniziativa realizzata nell'estate del 2015, quando i giovani designer hanno raccolto suggerimenti e idee per le strade della città e hanno realizzato contemporaneamente una lunga indagine sul mercato dei tessuti. Il procedimento creativo è stato articolato in più fasi, da una prima stampa digitale su poliestere dei modelli da realizzare fino alla stampa dell'idea completa da cucire sul tessuto. Un intervento 'site-specific' inedito, che ha affascinato il regista Ben Mor, tanto che per girare il video musicale 'Hymn for the Weekend’ ha fatto viaggiare viaggiare su uno dei 'funky' taxi il frontman della band dei Coldplay. Chris Martin.

Taxi_arte_indiani1.jpg Taxi_arte_indiani2.jpgTaxi_arte_indiani8.jpg

 Taxi_arte_indiani3.jpg

 

 

Taxi_arte_indiani6.jpg

Taxi_arte_indiani5.jpg


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale