Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
20 Maggio 2019

A chi ha ‘orecchie’ per intendere…

di Vittorio Lussana
Condividi

pensiero2.jpg

Napoleone Bonaparte era solito affermare che “quattro giornali ostili sono da temere più di mille baionette”. Sarà per questo motivo che il mestiere del giornalista è così temuto e disprezzato: temuto, perché un vero giornalista non può accontentarsi mai delle verità ‘ufficiali’; disprezzato, poiché nel perseguire la verità spesso scopre fatti o aspetti tali da poter danneggiare seriamente la reputazione di un ente, di un personaggio politico o di intere istituzioni. Tuttavia, è anche opportuno non alimentare una visione apologetica di questa professione, poiché in essa è comunque necessario operare una distinzione - a mio parere sacrosanta - tra un giornalismo ‘buono’ e uno ‘cattivo’. Ambedue tali generi non si pongono limiti. Ed entrambi possono parlare qualsiasi linguaggio: per ogni giornalista che indaga onestamente, ne esiste un altro che contesta l’ipocrisia delle notizie messe in circolazione; per ogni redattore che riporta fedelmente le menzogne di un Governo, ne esiste un altro che rischia la morte per raccontare la verità; per ogni giornale che tende a deformare la realtà dei fatti, ve n’è sempre un altro che cerca di penetrare tra le ‘maglie’ delle fonti ufficiali. Dunque, è sbagliato distinguere tra un giornalismo di destra e uno di sinistra, uno progressista e uno reazionario, uno governativo e uno antisistema: esistono soltanto un giornalismo ‘buono’ e uno ‘cattivo’.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale