Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Ottobre 2019

Bersani, Veltroni e burocrazie varie

di Vittorio Lussana
Condividi

Il vero problema di fondo del Partito democratico rimane di natura culturale: esso è apparso un tentativo di imborghesimento della sinistra popolare italiana che ha finito con l’allinearsi a tutti gli altri conservatorismi, di svariata e discutibile natura, presenti sul panorama politico complessivo. I pochi veri scampoli di riformismo si individuano solo in qualche esponente, nulla di più. Anche del riformismo, in verità, nessuno a sinistra capisce granché, così come nessuno ha mai compreso quasi nulla delle vere origini culturali del leghismo padano. Ma tutto questo processo, tutta questa sofferta transizione, alla fin fine è destinata a implodere. E ciò non sarà responsabilità da accollare esclusivamente al centrodestra. Mi dispiace, cari Veltroni e Bersani: si poteva e si doveva puntare su un rinnovamento politico autentico, dotato di basi culturali certe, anziché scommettere su pachidermici ‘Partiti – minestrone’ i quali, al loro interno, contengono tutto e il contrario di tutto, dai laici ai cattolico – democratici, dai ‘figli di papà’ ai cosiddetti ‘precari’. Si doveva rimanere sulle antiche ‘vie maestre’: quella laico - repubblicana, quella socialista, quella liberale e persino quella democristiana. Invece, si è commesso l’errore di ridurre tutto a un miserevole scontro di potere per il potere, senza reali progettualità, senza un minimo di lungimiranza. Inutile aggiungere quanto ciò sia costato, in termini umani, ad almeno due intere generazioni di giovani italiani, che sono stati illusi da un rinnovamento che si è concretizzato, in realtà, come una degenerazione, lenta ma sistematica, della vivibilità sociale, lavorativa e professionale. Nessun processo di rinnovamento è stato realmente impostato. Nessun provvedimento di reale riforma delle nostre istituzioni, a cominciare da quelle scolastiche ed educative, ha sortito gli effetti sperati. Tutto procede all’inseguimento di un benessere materiale di natura ‘evasiva’, ‘diversiva’, ‘palliativa’, magari compresso dentro a improvvisi irrigidimenti di ordine ideologico o, peggio ancora, burocratico. E’ inutile, oggi, tentare di chiudere una ‘stalla’ da cui i ‘buoi’ son già fuggiti da tempo.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale