Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
15 Dicembre 2018

Bobo Craxi: "Nencini capirà da solo che deve lasciare il 'timone' del Psi"

di Marcello Valeri
Condividi
Bobo Craxi: "Nencini capirà da solo che deve lasciare il 'timone' del Psi"

La lucida disamina dell’ex sottosegretario agli Affari Esteri sulla sconfitta dei socialisti della lista ‘Insieme’: una delusione cocente, che testimonia, una volta di più, come la superficialità ‘generalista’ del Pd a guida ‘renziana’ sia quasi riuscita a distruggere le radici stesse della sinistra italiana

Tra i vari ‘disastri’ verificatisi nelle recenti elezioni politiche nazioanli, in molti si sono soffermati sul negativo esito del Partito democratico. Ma in realtà, il Pd non è affatto solo, nel mucchio degli sconfitti: anche i socialisti della lista ‘Insieme’ hanno per l’ennesima volta dimostrato di essere poco più che una ‘scatola vuota’. Un dato più volte segnalato da Bobo Craxi, che ha spesso criticato l’ondivaga e personalistica conduzione politica del Partito da parte di Riccardo Nencini. In un fortuito incontro di passaggio che la nostra redazione ha avuto con il figliolo di un grande politico di ‘razza’ come Bettino Craxi, abbiamo tratto questa intervista, che Bobo ci ha gentilmente rilasciato con spirito di amicizia e di vivo interesse per il lavoro che stiamo svolgendo con le nostre pubblicazioni.

Onorevole Craxi, come giudica l’esito elettorale dello scorso 4 marzo 2018? E cosa può succedere, adesso?
“Gli errori politici del Partito democratico di questi anni hanno trascinato nella sconfitta anche chi nella sinistra ha cercato di correggerli. Le difficoltà delle sinistre sono una costante in tutto l'occidente e la fragilitá delle loro risposte apre la strada ad avventurismi 'popolocratici', di destra e di sinistra. Lo stallo istituzionale, in Italia, contribuirà al tempo della riflessione”.

Questo significa che il Psi può considerarsi ormai svincolato dal centrosinistra e cominciare a muoversi con maggior autonomia?
“No, questo significa che il problema di organizzare una proposta politica convincente nella sinistra italiana compete anche ai socialisti, perché da una base di riferimento socialista, adeguata ai nostri tempi, può ripartire un’iniziativa valida per tutto il centro-sinistra. So bene che non è sul piano ideologico che è avvenuta la sconfitta. Tuttavia, se non si riparte dai principi e dai valori di fondo diventa difficile influenzare le scelte e le decisioni. La mancanza di una dottrina comune, che faccia fronte ai processi di globalizzaBobo_alla_stazione.jpgzione, apre la strada, inevitabilmente, a nuove destre popolari e conservatrici. La sinistra può anche, in futuro, non essere maggioritaria, ma deve continuare a svolgere una funzione essenziale, per la tutela e la promozione dei diritti dell’uomo e dei lavoratori”.

Ma cosa succederà adesso? Nencini si dimetterà? E chi sarà il nuovo segretario?
“Un ciclo si è chiuso. E’ durato dieci anni. Curioso, ma ampiamente prevedibile, che in parlamento si sia ‘salvato’ solo Nencini. Non mancano nuove energie, che vanno incoraggiate purché si tengano alla larga da pulsioni ‘rottamatorie’. Solo riprendendo l’unità in una nuova prospettiva si possono vincere le sfide del futuro. Penso che ci saranno occasioni notevoli per una rivincita e per contribuire al riscatto del centro-sinistra. Guai ad abbandonare l’identità socialista: si commetterebbe un imperdonabile errore. Nencini è una persona intelligente: capirà lui per primo che deve lasciare il timone”.

Come commenta il risultato di ‘Liberi e Uguali’?
“Hanno intuito che andava cambiato qualcosa nel centrosinistra, ma la formula da loro adottata non era, come si é visto, la migliore. Io me ne sono accorto un minuto prima e non un minuto dopo. E così ho evitato di commettere un errore politico. Ma tutte le sconfitte della nostra area non sono una cosa per cui andare lieti”.

Negli altri Paesi si stanno rendendo conto della particolare situazione italiana che si è venuta a creare, secondo lei? E ci potranno aiutare a uscire dalle attuali 'sabbie mobili'?
“Al netto delle formali non ingerenze è evidente che in Europa, segnatamente a Berlino e a Parigi, guardano con preoccupazione alla crisi istituzionale italiana. Non temono di esserne influenzati: anche loro hanno avuto contraccolpi dalla crisi economica e dal cedimento dei Partiti tradizionali in favore di nuove formazioni politiche non del tutto ortodosse. Credo che la Russia abbia incoraggiato i ‘popolocratici’ e che così abbiano fatto anche alcuni settori conservatori vicini a Trump. Sarà necessario una scomposizione e ricomposizione del quadro politico, per adeguare le forze di ispirazione europeista e multilaterale alla nuova situazione data. Come nel caso della Brexit, é necessario che il tempo sedimenti le passioni e faccia riflettere anche coloro che si sono rivolti a forze politiche ‘anti-sistema’ più per rabbia che per convinzione. Quello che non si può fare é impedire che il loro successo venga negato: se riescono a mettere in piedi un governo, che governino pure, anche se mi sembra assai problematico. I tedeschi e i francesi incoraggeranno una soluzione temporanea, che garantisca la continuità dei nostri impegni e la nostra stabilità”.

Un'ultima domanda di politica estera: la questione coreana è in via di risoluzione, come sembrerebbe negli ultimi tempi, oppure è destinata a riaccendersi improvvisamente?

“É una notizia confortante, che smentisce ciò che sovente crea la violenza del dialogo attraverso i social. È ragionevole pensare che una delle grandi conquiste di questi ultimi cinquant’anni sia dovuta ai consessi multilaterali, dove i popoli anche più distanti possono confrontarsi. Se gli Usa garantissero una distensione nel Pacifico tornerebbero a essere nuovamente il ‘faro’ politico di tutta l’umanità e Donald Trump riuscirebbe a cambiare cambierebbe di 360º la percezione che il mondo ha di lui. É solo un auspicio, ma quando si cambia l’inerzia in una parte del mondo tutti ne traggono b

Bobo_Craxi_Onu_3.jpg

NELLA FOTO: BOBO CRAXI ALL'ASSEMBLEA GENERALE DELL'ONU

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale