Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Ottobre 2019

Vittoria Pompò: "No one left behind, nessuno escluso"

di Liliana Manetti
Condividi
Vittoria Pompò: "No one left behind, nessuno escluso"

L’associazione ‘Coordinamento donne nel mondo’ ha pubblicato di recente un documento sulla ‘Gender Equality’ che verrà proposto a breve come testo educativo per le scuole

‘No one left behind’: l'associazione ‘Coordinamento donne nel mondo' nasce nel 2007 intorno a questo motto, ossia: ‘Nessuno escluso’. Un’idea d’incontro e di dialogo tra le persone, soprattutto donne, di tradizioni culturali diverse. Il sostegno che viene fornito ‘scatta’ proprio nei momenti di difficoltà (violenza di ogni genere: verbale, fisica, psicologica, sessuale, economica, di genere e razziale), per orientare le donne nella loro carriera e nella propria vita, per comprendere se stesse e collaborare con costruttività. Uno degli obiettivi principali dell’associazione è quello di promuovere la donna come 'motore' dello sviluppo, della famiglia e della società. Un altro cardine del ‘Coordinamento donne nel mondo’ è l’interscambio e il dialogo interculturPresentazione_Testo.jpgale. La presidentessa dell’associazione, Vittoria Pompò, lo dice espressamente: “Abbiamo particolare attenzione per tutti gli aspetti culturali e, soprattutto, per le problematiche dei flussi migratori. Mettiamo a disposizione le nostre risorse, molto attente e preparate, sulle diversità culturali, cercando di favorire l'intercultura, lo scambio tra Paesi e modi di essere diversi”. Sono stati pubblicati già due libri dall’associazione. E, poco tempo fa, è stato presentato il terzo, dal titolo: ‘A brief essay on Gender Equality’. Un testo che individua nell’eguaglianza di genere il punto nodale dello sviluppo civile e sociale. Hanno collaborato alla pubblicazione, una per ogni capitolo del libro, alcune donne appartenenti all’associazione stessa, fornendo il loro prezioso contributo. Di recente, il testo è stato presentato a Roma, presso l’Università Link Campus. A margine di tale evento abbiamo avuto il piacere di porre alcune domande alla presidentessa dell’associazione, Vittoria Pompò, per approfondire le varie attività dell’associazione e in merito alla pubblicazione presentata alla stampa e al pubblico.

Vittoria Pompò, quando è nata l’associazione ‘Coordinamento donne nel mondo’?
“L’associazione è nata nel 2007 dalla volontà di dialogo tra donne di tradizioni culturali differenti, per sostenerle nei momenti di difficoltà, ma anche per far sì che siano autonome e possano essere protagoniste della propria vita”.

Quali sono gli obiettivi dell'associazione?
“Il motto dell’associazione è: ‘Nessuno escluso’. La donna è considerata il vero ‘motore’ della società e dev’essere una donna autonoma, che riesce a rialzarsi dai momenti di difficoltà. L’associazione, grazie anche a uno sportello di ascolto, sorregge la donna e la rende autonoma, in modo che possa sostenersi sulle proprie gambe. Il supporto viene offerto sia nei momenti in cui le vengono rivolte delle violenza, ma anche quando attraversa dei periodi difficili, caratterizzati da problemi economici, cercando di orientarla e formarla per accedere al mondo del lavoro. L’associazione, tra gli altri obiettivi, si propone quello di eliminare ogni tipo di discriminazione”.
Logo_Onu.jpg
Perché è nata quest’ultima pubblicazione dell’associazione, intitolata: ‘A brief essay on Gender Equality’?
“L’associazione ha scritto e pubblicato questo testo che è solo di divulgazione e non è in vendita, per supportare la campagna Uniwimen dell’Onu. E’ un progetto recente: una campagna dell’Onu che si sta sviluppando ultimamente. Inoltre, non è l’unica pubblicazione dell’associazione, bensì siamo già alla terza. E trattiamo sempre tematiche femminili”.

Si tratta di un testo nato da qualche progetto particolare?
“No, ma è in sintonia con la missione dell’associazione, che ha come obiettivo quello di diffondere tra i giovani la cultura del ‘Gender Equality’. Siamo state anche presenti in Albania, in molte scuole, per diffondere il principio della ‘Gender Equality’, che serve anche come sensibilizzazione tra le nuove generazioni contro alcuni comportamenti a rischio. Per esempio, abbiamo condotto a lungo una campagna contro il bullismo, che è stata proposta, spiegata e attuata nelle scuole albanesi e stiamo iniziando a farlo anche qui in Italia”.

Oltre all'ultima presentazione, avvenuta lo scorso 16 aprile, ce ne sono altre in programma?
“Sì, oltre alla scorsa presentazione, che si è tenuta nell’Università ‘Link Campus’, siamo state presenti anche al ‘Salone del libro di Torino’ e anche all’estero, in quanto organismo internazionale. A settembre, faremo una serie di presentazioni anche nelle scuole, al fine di condurre una vera e propria campagna di educazione alla ‘Gender Equality’...”.


Vittoria_Pompo.jpg

NELLA FOTO (IN PIEDI): VITTORIA POMPO' DURANTE LA PRESENTAZIONE ALLA LINK CAMPUS UNIVERSITY

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale