Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Febbraio 2024

Non per vantarmi, ma avevo capito tutto

di Vittorio Lussana
Condividi
Non per vantarmi, ma avevo capito tutto

Sotto la regia di Daria Veronese, Massimo Mirani resuscita Pier Paolo Pasolini. E ce lo mostra non più come uno scrittore, romanziere e saggista amante dello scandalo e delle provocazioni, ma come un vero e proprio progenitore della cultura progressista italiana. Un Pasolini più saggio e coi capelli bianchi, “perché si invecchia anche nell’aldilà”, specifica l’attore. Il monologo ripercorre la vita del grande poeta e intellettuale friulano: il dolore per la morte del fratello, l’amore per sua madre, la profondissima fede cattolica che si trasforma in un marxismo disperato, in una ricerca ossessiva del vero e del giusto immersa in quell’afflato mistico che ne ha caratterizzato l’intera produzione letteraria. Poi, seguono le citazioni dagli ‘scritti corsari’, le polemiche con il movimento studentesco del ’68, la devastante deturpazione urbana di Roma e la degradazione antropologica verso cui gli italiani vengono condotti sulla base di un consumismo ‘sviluppista’, basato unicamente sull’esaltazione dei beni voluttuari a scapito di quelli primari e culturali. Si tratta, dunque, di uno spettacolo importante, che ricostruisce il percorso storico dell’Italia stessa durante la sua discesa nell’inferno di oggi. Quell’inferno che Pasolini aveva profetizzato per primo, in totale e assoluto isolamento contro tutto e tutti: la Chiesa, il Pci, la nuova generazione di ‘capelloni’ che stava avanzando. Il punto di vista di un coltissimo romanziere, uno dei pochi che oggi contano veramente, finalizzato a ricordare il suo disperato tentativo di avvertici tutti di come si stesse scivolando verso una società priva di valori, sempre più immersa in un ‘vuotismo’ totale e devastante. Un ottimo spettacolo, meritevole di essere menzionato e valorizzato.

CAPSA Service. Di Massimo Mirani Daria Veronese. Regia di Daria Veronese. Con Massimo Mirani


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale