Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
29 Maggio 2022

È truoppo amara sta terra duci: commedia noir

di Serena Di Giovanni
Condividi
È truoppo amara sta terra duci: commedia noir

Due donne. Stesse origini (sicule), stesso viaggio. Eppure, così diverse nel descrivere la loro terra di appartenenza, così distanti nel percepirne i valori. Almeno apparentemente. “Troppo amara sta terra duci: commedia noir” racconta, in chiave ironica, il conflitto dicotomico che esiste nell’amare e, allo stesso tempo, odiare la propria terra di appartenenza. Un conflitto che per le due protagoniste, Mariagrazia e Isabella, diviene esistenziale. Le due donne si incontrano sul pullman Roma/Sicilia e cominciano a conversare. Mariagrazia, così fortemente legata alla Sicilia, ne esprime con veemenza tutto l’amore possibile, mentre Isabella la sua (apparente) insofferenza. Ma un viaggio, si sa, seppur breve comporta sempre un’evoluzione, un cambiamento. Che, in questo caso, è dettato dal confronto dialettico tra le due protagoniste e dagli eventi che si susseguono durante il loro percorso. Katia Vitale, autrice e regista dello spettacolo, e Chiara Galano portano in scena una commedia tutta giocata sul dualismo amore/odio verso i caratteri della cosiddetta “sicilianità”, indagati attraverso il confronto verbale tra le due attrici. E la Sicilia, isola “duci” e “amara”, terra vulnerabile e contraddittoria, diventa l’emblema di tale paradosso. Un’idea interessante, anche se a tratti banalizzata dall’inconsistenza dei dialoghi e da una comicità intermittente.  

Di Katia Vitale. Regia di Katia Vitale. Con: Katia Vitale, Chiara Galano


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale