Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Ottobre 2020

Album Toi, Mon Miroir

di Vittorio Lussana
Condividi
Album Toi, Mon Miroir

Una performance di danza e interazione digitale, che ha saputo donare al pubblico sensazioni ed emozioni, estetismo e, al contempo, bellezza interiore. Le danzatrici Elena Cocci e Marianna Moccia non sono solo bellissime in scena: sono veramente brave a comunicare le tematiche del doppio psicanalitico e il rapporto fra uomo e tecnologia, che rischia di svuotare ogni interiorità. L’equilibrio tra bellezza estetica delle coreografie, che finiscono col comunicare esattamente il messaggio opposto, ovvero quello del trionfo della ‘vuota immagine’, dei corpi che uccidono lo ‘spirito’, rappresenta un equilibrio di difficile trasposizione artistica, un contenuto che rischierebbe di non arrivare al pubblico. Ma l’essenzialismo coreografico della regista e coreografa, Sara Lupoli, alla fine ha la meglio, dando la piena sensazione di una ‘mano’ che ha voluto andare oltre la semplice resa estetica dei corpi, interagendo con un video digitale che ha trasformato sensazioni ed emozioni trasportandole all’interno di mondi affascinanti e dimensioni ‘altre’. Tutto molto bello e rilassante.


album_toi_mon_miroir.jpg

Album Toi, Mon Miroir
Palco A - 21 giugno h. 22,00 - 22 giugno h. 23,30 - 23 giugno h. 23,30

Una performance in cui danza e interazione digitale si fondono per interpretare i temi del doppio e del rapporto con la propria immagine.Una critica circa la cecità che contraddistingue la nostra contemporaneità e una ricerca sul paradosso per il quale la sovrabbondanza d’immagini cui siamo sottoposti e in parte artefici è la causa principale che annienta l’interiorità. Spaziando tra il teatro fisico ed il cabaret, passando per il canto, la musica dal vivo e il tip tap, Haste Theatre porta in scena un mito classico, riadattato in un contesto temporale totalmente diverso, con l’intento di divertire il pubblico ma di farlo anche riflettere.

Regia e coreografia: Sara Lupoli - Interazione digitale: Carmine Spizuoco
Danzatrici: Elena Cocci, Marianna Moccia - Musiche: Vito Pizzo - Costumi: Pina Lupoli
Compagnia PianoBe Artistic Research
GENERE: danza e interazione digitale


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale