Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
19 Giugno 2019

Cara utopia

di Vittorio Lussana
Condividi
Cara utopia

Toccante interpretazione di Claudia Crisafio sul valore e la capacità di resistenza alle difficoltà della vita quotidiana derivanti dalla tanto temuta e disprezzata ‘utopìa’, che per la protagonista di questo monologo è rappresentata dal sogno di poter fare, un giorno, la cuoca. L’idea, l’inventiva, l’amore per il proprio mestiere, appreso sin da bambina ‘spiando’ le abilità e i secolari segreti gastronomici delle nostre nonne, sono divenuti contenuti e princìpi costantemente combattuti e, spesso, persino annullati dal falso qualunquismo imperante nella società odierna. Oggi, proprio non si riesce a far comprendere il valore delle idee e dell’originalità personale, poiché anche la semplice volontà di voler svolgere un lavoro tutto sommato ‘qualsiasi’ come quella della cuoca, ‘disturba’ una società ormai totalmente involgarita e imputridita da una piattezza omologativa spaventosa, che getta le persone sulla strada senza alcuna forma di rispetto umano, calpestandone la dignità. Eppure, sono proprio i nostri sogni a darci modo di poter guardare i nostri problemi e il mondo stesso dall’alto, da un punto di vista ben distinto, a donare altissimo valore morale e insospettabile dignità e coerenza identitaria a persone umili e miti, che pur provenendo da oscure province imbevute di misticismo atavico o da lontane periferie del mondo, ci parlano di onestà antiche, di quell’antico ‘seme’ della Storia che, nel giorno del riscatto, umilierà commuovendo, si vendicherà amando, sconfiggerà ogni male perdonando, sorridendo, dimenticando. Un lavoro profondo e intenso, meritevole di considerazione per il proprio indiscutibile valore morale, oltreché di valorizzazione delle nostre più antiche e preziose culture locali.

Cara_utopia1.jpg

Cara utopia
Palco C - 31 maggio h. 20,30 - 2 giugno 23,30 - 4 giugno h. 22,00

Pasqualina Losacco ha settantacinque anni ed è di origini pugliesi. È cresciuta con la nonna alla quale era molto legata e che seguiva in ogni faccenda domestica, soprattutto nella cucina. La guardava cucinare, cercando di apprendere da lei il più possibile. Dopo aver lavorato per tanti anni come domestica in una casa di Roma, in seguito alla morte della proprietaria, viene mandata via e si ritrova per strada a lottare contro la fame e il freddo. Ma Pasqualina ha una fede: il suo sogno è diventare una cuoca ed è sicura che, prima o poi, riuscirà a realizzarlo.

Di Maria Teresa Berardelli - Regia: Marianna Di Mauro
Con Claudia Crisafio - Scene: Lucio Duca - Aiuto regia: Dimitri D’Urbano
Foto di scena: Guido Mencari - Foto backstage teaser: Ciro Meggiolaro
Teaser: Alessandro Formica - Compagnia Nuove Officine
GENERE: monologo


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale