Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Ottobre 2020

Così grande e così inutile

di Vittorio Lussana
Condividi
Così grande e così inutile

Il grande poeta della rivoluzione socialista, Vladimir Vladimirovic Majakoskij, viene ritrovato tra gli scavi sotterranei di una metropolitana perfettamente conservato dal ghiaccio. Il dubbio sorge spontaneo: scongeliamo o non scongeliamo? E così, il grande poeta torna sulla scena e non può fare a meno di constatare, con enorme dolore e rimpianto, come le sue idee in favore di una società più equa e più giusta siano state interpretate attraverso un sistema di potere burocratizzato, contraddittorio, spesso sclerotizzato. Il poeta viene perciò preso dal rimpianto e inizia a ripercorre la propria vita, mossa da nobili ideali e da qualche eccesso di troppo. Quel che convince pienamente, in questa rappresentazione, è la preparazione tecnica e didattica di questo gruppo di giovani attori, ‘freschi’ di diploma dell’accademia ‘Silvio D’Amico’, nonché le numerose idee che, nel corso dell’opera, vengono messe in scena con indubbia creatività. La recitazione di alcuni interpreti, in particolare, risulta profonda e convincente, colpendo lo spettatore per intensità e impegno, fin quasi a generare il dubbio che questa giovane compagnia, il Servomuto, abbia optato per un testo non adatto a un pubblico popolare. Eppure, l’intensità recitativa di questi ragazzi è talmente di alto livello da strappare, alla fine, gli applausi di tutti. Molto bravi.


Cosi_grande_cosi_inutile_2.jpg


Così grande e così inutile
Palco A - 7 giugno h. 23,30 - 8 giugno h. 22,00 - 10 giugno h. 20,30

“La questione è già stata resa nota attraverso i telegrammi, già discussa, semplice e chiara: scongelare o non scongelare?”. Ovvero, riportare o non riportare alla vita un surgelato Majakovskij? Animate da questa domanda grottesche figure prendono vita sul fondo del palco e lo spettacolo ha inizio. La voce di Majakovskij torna a rombare di nuovo. E con essa riviene a galla tutto un mondo, apparentemente sommerso, onirico ma brutalmente reale, che confondendo realtà e immaginazione ripercorre la sua vita turbolenta. Il poeta diventa così il perno centrale di un insieme di personaggi, tragici e comici, che si contrae nello spazio al ritmo delle sue opere.

Regia e adattamento : Lorenzo Collalti
Interpreti: Anna Chiara Colombo, Diletta Masetti, Laurence Mazzoni, Eleonora Pace, Pavel Zelinskiy
Compagnia Il servomuto
GENERE: prosa


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale