Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
28 Ottobre 2020

Come d'autunno

di Silvia Mattina
Condividi
Come d'autunno

Il testo di Lello Gurrado rientra pienamente nel genere del teatro civile, un filone che si sviluppa dal teatro di narrazione e pone all'attenzione tematiche di attualità politica e sociale. Un'opera teatrale scritta in occasione del centenario dell'entrata dell'Italia nella prima guerra mondiale, della quale esprime il senso di una tragedia illogica e incoerente, perché "la guerra non ha vincitori". Il dialogo immaginario tra la mamma e il figlio morto è un dualismo di temi ed episodi che raccontano la brutalità della guerra, tra vita e identità, eroismo e meschinità. I due personaggi sono simboli e strumenti che servono all'autore per raccontare gli effetti di un conflitto spaventoso, narrato attraverso la voce della compassione della madre e vista tramite lo sguardo irredente e disilluso del figlio morto sul campo di guerra. La fierezza e la dignità della donna di Gradisca di Isonzo, chiamata a scegliere la salma del Milite ignoto, rappresenta lo straziante dolore di una nazione, 'Mamma Italia', che piange e rende omaggio ai suoi tanti figli, morti in suo nome. In una guerra di posizione, di trincea, dove si può "uccidersi senza conoscersi" è ben costruita la rievocazione di personaggi storici quali lo scrittore Emilio Lussu e il patriota Enrico Toti. La forza dell'interpretazione di tali personaggi permette allo spettatore di partecipare alle percezioni e alle paure di chi ha passato gli ultimi giorni della sua vita imprigionato sotto terra come un topo. Gli interpreti non si limitano a presentarci la storia nuda e cruda della prima guerra tecnologica e industriale, ma rendono evidenti le false promesse di riscatto di una politica affabulatrice e vigliacca. Intenso e struggente.

come_di_autunno_3.jpg   come_di_autunno_1.jpg
 

Come d’autunno
Palco A - 3 giugno h. 23,30 - 4 giugno h. 20,30 - 5 giugno h. 22,00

La storia prende spunto da un episodio storico: la scelta del Milite ignoto. Una donna di Gradisca di Isonzo, che aveva perso un figlio in guerra, venne chiamata a scegliere tra undici salme quella destinata a rappresentare il Milite ignoto. Lo spettacolo si basa su un dialogo immaginario tra questa donna e il figlio, attraverso il quale emergono particolari e aneddoti che mostrano la guerra in tutta la sua crudeltà. Dal racconto del figlio prendono vita altri personaggi, realmente esistititi, come lo scrittore Emilio Lussu e il patriota Enrico Toti. Il testo è scritto da Lello Gurrado, autore di numerosi romanzi.

Regia della compagnia - Interpreti: Elena Scalet, Gianluca Follo, Francesco Modugno, Alberto Zambelli
Compagnia Iloveyousubito - Associazione Culturale Qubo
GENERE: teatro civile


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale