Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
26 Ottobre 2020

La fanciulla con la cesta di frutta

di Giorgio Morino
Condividi
La fanciulla con la cesta di frutta

Divertente, ironico, istrionico, dissacrante, imprevedibile, geniale. Questa è solo una parziale selezione di alcuni degli aggettivi che hanno accompagnato e fatto seguito alla visione de ‘La fanciulla con la cesta di frutta’, per la regia di Francesco Colombo, con Grazia Capraro, Marco Celli, Adalgisa Manfrida e Michele Ragno. La vicenda si svolge nella Galleria Borghese di Roma e ha per protagonista Mario Minniti, il modello che ha ispirato Caravaggio nella realizzazione del capolavoro ‘Fanciullo con cesto di frutta’. Ora, immaginate di essere nella galleria, circondati dai quadri e da opere d’arte millenarie che se ne stanno lì, immobili e immutabili, a ricambiare il vostro sguardo: e se le opere prendessero improvvisamente vita davanti a voi come nel film 'Una notte al museo'? E se iniziassero a muoversi, a parlare, a raccontare la loro vita e tutti i retroscena dell’opera stessa? Questo è quello che avviene nella ‘Galleria Borghese’ di notte, quando Mario Minniti si sveglia dal suo torpore prendendosela con il suo creatore, Caravaggio, il cui spirito è imprigionato nell’opera. Motivo del dibattito: se lui, il modello dell'opera, è il soggetto dell’arte, allora non è proprio egli stesso l’arte? E quindi: chi è l’opera? Chi è l’artista? Chi ammira il fanciullo, apprezza il genio dell’artista? O è l’opera d’arte stessa a essere l’artista? Che senso ha esser stato ritratto e immortalato? E come mai la gente che ammira il quadro non riesce a capire se il modello sia effettivamente un fanciullo o una fanciulla? Al dibattito si uniscono altre opere: il Cristo con gli angeli protagonisti de ‘Le stigmate’, opera seicentesca dello stesso Minniti, che interrogano il loro ‘padre’ sulla natura dell’esistenza. In particolare, Gesù Cristo è simpaticamente confuso su cui sia il suo vero padre: Dio o Minniti? Si aggiungono alla discussione il Van Gogh del celebre 'Autoritratto', insieme alla ‘Prima ballerina’ ritratta da Degas, alla ‘Ophelia’ di Millais e alla lapidaria e austera ‘Monna Lisa’ di Leonardo. Ogni opera si interroga sul proprio ruolo in un modi inaspettati e spassosi. Impossibile non perdersi nel surreale vortice di battute e riflessioni al limite dell’assurdo. Lo spettacolo è solidamente realizzato e magnificamente interpretato. Il ritmo è incalzante e porta a un finale che ‘chiosa’ perfettamente il messaggio nascosto nel divertimento della rappresentazione: che cos’è l’arte? L’unico modo in cui potrete trovare la risposta a questa domanda è guardare lo spettacolo e lasciarvi trascinare nel suo vortice irresistibile di divertimento. Molto bravi.


La_fanciulla_con_la_cesta_di_frutta.jpg

FOTO A CURA DI: ALESSANDRA NOTARO


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale