Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
19 Novembre 2017

ASCETIC SIGN: le intelligenze dello spirito universale

di Francesca Buffo
Condividi
ASCETIC SIGN: le intelligenze dello spirito universale

La ricerca interiore e spirituale ispirano da oltre un trentennio percorsi e nuove teorie. Un proliferare di tecniche e argomentazioni che ribadiscono costantemente la necessità per gli uomini di ottenere risposte più profonde sul significato della vita. Un'esigenza di risposta di senso che per molti è anche sinonimo di ricerca espressiva. Secondo Patrizia Patti, capofila del movimento degli 'artisti dello spirito', oggi è in atto un nuovo Rinascimento che, amplificato dalla globalizzazione mediatica, intende riaffermare i valori universali dello spirito, quali la verità, la libertà, l’amore, la giustizia, la pace e la solidarietà, come requisiti fondamentali di ogni società civile.

Nell’attuale panorama artistico, la produzione creativa sembra  essere scarsamente ispirata a temi spirituali, benché la società internazionale avverta sempre più l’esigenza di condividere conoscenze e valori fondamentali dello spirito come la bellezza, l’amore, la verità e la pace.  Eppure – come afferma Patrizia Patti, pittrice romana apprezzata a livello internazionale – ogni angolo della terra chiede luce!
Luce che ritroviamo nel suo percorso artistico, strettamente legato a un percorso di crescita spirituale. Secondo l'artista romana – cos ì spiega nel 'Manifesto degli artisti dello spirito' – "il segno ascetico è l’aspetto formale dell’opera d’arte concepita come una preghiera visiva universale, un’opera, quindi, creata per indicare l’essenza divina di ogni essere vivente. Essa intende esprimere i valori della pace, dell’amore e di quella specifica bellezza che scaturisce dalla Verità. L’opera così concepita diviene un dono mistico, puro luogo sacro nel quale ed attraverso il quale l’Essere viene interrogato. Il segno ascetico, dunque, è il linguaggio evocativo di questa opera, nella quale l’equilibrio e la perfetta coesione tra forma e contenuto, la rendono direttamente e più facilmente comprensibile dallo spettatore, senza l’aiuto di mediazioni critiche. Da qui nasce la sua idea di creare un movimento culturale che riunisca e promuova gli 'Artisti dello spirito' ovvero tutti coloro che attraverso la propria tecnica espressiva abbandonano la rappresentazione visiva del messaggio concettuale per evocare il cuore dell’Assoluto con immagini di spirituale armonia capaci di aiutare lo spettatore, qualunque sia la sua esperienza culturale o religiosa, ad intuire l’immagine di luce divina immortale che è in lui e in ogni altro essere vivente. L’energia della vita che costituisce l’eterna essenza di Dio. Lo splendore infinito della Verità di cui tutti dobbiamo acquisire la consapevolezza. Il segno ascetico è l’arte del terzo millennio che vuole aiutarci a camminare insieme verso il Dio d’amore universale".
"L'artista dello spirito è un artista universale – ci spiega Patrizia – simile all’asceta, che si fa tramite purissimo tra visibile e invisibile, tra umano e divino. Egli riconosce e distilla il sacro dalla realtà quotidiana, per condividerlo amorevolmente con la collettività. Nel mondo c’è una crescente domanda di valori spirituali. La spiritualità è la sola avanguardia, la vera rivoluzione di questo periodo storico, il cui faticoso mutamento tende verso lo spirito. L’artista asceta, con le sue opere, deve contribuire a questa luminosa trasformazione, già in atto, dalla quale germoglierà una società mondiale di esseri evoluti, uniti nell’intelligenza dell’amore. L’inizio del terzo millennio è stato caratterizzato da avvenimenti radicali tali da riuscire a sconvolgere quell’assetto culturale e sociale che si protraeva da almeno quattro secoli. Il risultato più evidente di questa inattesa rivoluzione nei comportamenti e nei costumi della collettività mondiale è il risveglio, l’affiorare e il consolidarsi di un pensiero alternativo a quella serie di concezioni convenzionali, sedimentate nelle epoche successive al Rinascimento e repentinamente spazzate via dall’inimmaginabile tragedia delle torri gemelle americane. Il decennio successivo a questo doloroso avvenimento, segnato da conflitti bellici, crisi finanziarie, cataclismi naturali e rivoluzioni più o meno riuscite, ha visto emergere, sempre più forte, una nuova visione nel pensiero umano basata sull’intima consapevolezza di un amorevole legame tra creature intimamente evolute e di sentimenti ispirati. Il commovente, inarrestabile anelito di libertà che ha nutrito le recenti rivoluzioni del Medio Oriente, malgrado l’aspetto necessariamente cruento, è un ulteriore segno ascetico di un’umanità che sta riscoprendo la sua luminosa essenza divina e desidera esprimerla intensamente in tutte le manifestazioni della vita. È un nuovo Rinascimento che, amplificato dalla globalizzazione mediatica, intende riaffermare i valori universali dello spirito, quali la verità, la libertà, l’amore, la giustizia, la pace e la solidarietà, come requisiti fondamentali di ogni società civile, capaci di vivificare, rigenerare e purificare l’intera umanità e il suo pianeta.
Attraverso questo ascetico risveglio di coscienza, un numero sempre maggiore di creature illuminate stanno attivando quella che, qualche tempo fa, ho definito “intelligenza dello spirito universale”, uno splendente “intelletto d’amore”, di dantesca memoria, che desidera operare armoniosamente, in perfetta sinergia con la luce del cuore, per il bene di tutti. Credo che saranno queste “intelligenze dello spirito universale”, con il loro linguaggio celeste capace di mutare il sapere umano in conoscenza, a svelarci gli esaltanti orizzonti di una nuova era, nella quale la produzione scientifica, culturale e artistica dell’intelletto umano sarà all’insegna della verità, della libertà e dell’amore inteso come irrinunciabile anelito verso l’assoluto".

 

Pattifoto3.jpgPatrizia Patti - Laureata in Lettere e Filosofia all’Università di Roma “La Sapienza”, artista ed intellettuale apprezzata a livello internazionale, Patrizia Patti (Patrizia Patti Beritelli di Spataro) teorica dell'arte dello spirito, nasce a Roma, sotto il segno zodiacale dell'Acquario, primogenita di una famiglia di antica nobiltà siciliana e marchigiana nella quale arte e spiritualità hanno avuto, nel passato, esponenti di grande rilievo, quali la celebre soprano Adelina Patti, lo scrittore Ercole Patti, il religioso intellettuale don Luigi Sturzo ed il  Papa Pio IX, recentemente beatificato, del quale l’ artista  è pronipote, per parte di madre. In Italia ha partecipato ad importanti esposizioni ( XIII Quadriennale nazionale d'arte,  X  Biennale d'arte sacra contemporanea Stauròs, ecc.) anche in sedi museali come il Museo nazionale Romano (Aula Ottagona), il Museo nazionale d'Abruzzo (AQ), il Museo del Folclore (Roma), il Palazzo delle Esposizioni (Roma), la Pinacoteca di Terni, il Museo archeologico comunale di Fondi (LA), ed altri ancora.

ASCETIC SIGN ©Copyright 2009 Patrizia Patti – Tutti i diritti riservati

 



freccia3.jpgDA LEGGERE

Cliccate sulla copertina per leggere la descrizione del volume e conoscere come acquistarlo.


Ebook Ebook Ebook Ebook


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale