Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
29 Maggio 2022

Kazuyoshi Nomachi e le vie del sacro

di Serena Di Giovanni
Condividi
Kazuyoshi Nomachi e le vie del sacro

Al centro di produzione culturale Pelanda di Roma, la prima mostra antologica del grande fotografo giapponese

Fino al 4 maggio 2014 si terrà a Roma, presso lo spazio del centro di produzione culturale Pelanda, la più grande mostra antologica (la prima in occidente) del fotografo giapponese Kazuyoshi Nomachi. Un allestimento con duecento scatti divisi in sette sezioni che, attraverso la sacralità dell’esistenza quotidiana, ricostruiscono le esperienze vissute dal fotografo documentarista in paesi tra loro lontani, ma accomunati dalla presenza di quell’intimo e spirituale sodalizio tra uomo e natura che dà valore alle condizioni di vita più difficili e precarie. 
Nomachi nasce a Mihara, in Giappone, nel 1946. Da sempre appassionato di fotografia, nel 1971 inizia la sua carriera come fotografo pubblicitario free-lance. Dopo un anno, all’età di 25 anni, compie il suo primo viaggio nel Sahara nel corso del quale rimane colpito dalle condizioni di vita 'estreme' degli abitanti del continente africano. Decide quindi di dedicarsi al fotogiornalismo incominciando da quel momento a visitare diversi paesi del mondo. È l’inizio di un intenso lavoro di studio e documentazione sul tema 'preghiera e ricerca del sacro', indagato all’interno delle più variegate culture tradizionali. Nei suoi scatti, paesaggi e popolazioni autoctone si fondono all’interno di composizioni pittoriche contraddistinte da una luce abbagliante al contempo reale e trascendente. 
Nel susseguirsi di immagini emerge preponderante il tema della spiritualità nell’uomo, come si vede nello scatto che ritrae i fedeli in preghiera nell’atto di aggrapparsi alla Kiswa, la preziosa copertura nera che riveste la Kaaba (La Mecca, Arabia Saudita, 1996). Dal 1995 al 2000 l’occhio del fotografo si sofferma infatti sulle città sacre dell’Islam. Nomachi è il primo a documentare in maniera approfondita i rituali dell'Hadj, il noto pellegrinaggio religioso dei musulmani verso La Mecca. A questo periodo risalgono le fotografie che ritraggono i pellegrini in visita alla città santa nel loro abbigliamento tradizionale (Arabia Saudita 1995), e quelle che colgono il momento della preghiera del Maghrib recitata nel cortile del Sacro Tempio dell'Imam Reza, l'ottavo imam dei musulmani sciiti (Mashhad, Iran 2006).
Le stampe esposte raccontano anche i viaggi intrapresi a partire dal 1988 nelle aree occidentali della Cina, nel corso dei quali Nomachi si dimostra particolarmente attratto dal Buddismo e dalle popolazioni che vivono nelle altitudini del Tibet. Fra il 2004 e il 2008, il fotografo 'esplora' la cultura tibetana e le terre del sacro Gange, a ridosso delle quali nacque l’Induismo. È di questo periodo lo scatto che mostra un gruppo di donne in attesa di entrare in un tempio di Shiva, durante il pellegrinaggio del Kanwaria, che prevede la raccolta delle sacre acque del Gange come importante pratica devozionale (Deogarh, India, 2008).
Viaggiando sugli altopiani di Ande, Perù e Bolivia, Nomachi si sofferma sul sincretismo religioso tipico di alcune popolazioni sudamericane e sulla fusione tra cattolicesimo e civiltà Inca. Questo fecondo momento di riflessione sulle usanze religiose dei paesi del Sud America è ben testimoniato dalla stampa che ritrae un gruppo di pellegrini, detti Ukuku, nell’atto di arrampicarsi fino a una croce eretta su un ghiacciaio a un'altitudine di 5.000 metri (Qoyllur Ritti, Perù, 2004). Una riflessione, quella di Nomachi, che continua incessantemente ancora oggi e che costituisce il cuore dei suoi lavori. Questi ultimi, raccolti in 12 edizioni antologiche, sono stati pubblicati in tutto il mondo nelle maggiori riviste di fotografia, come The National Geographic, Stern e GEO, e gli sono valsi diversi premi (come l’Annual Award of the Photografic Society e la Medal of Honor with Purple Ribbon) per poi confluire in una grande mostra dal titolo "Il pellegrinaggio del fotografo, un viaggio attraverso le preghiere” (2005). 
L’esposizione del centro di produzione culturale Pelanda, nata dall’accordo sottoscritto da Civita con l’artista e promossa dall'Assessorato alla Cultura di Roma Capitale, dal MACRO e da Civita stessa, propone un percorso espositivo emozionante, in grado di coinvolgere lo spettatore attraverso un allestimento sorprendente e di grande impatto visivo.  

 

kazuyoshi3.jpg

kazuyoshi2.jpg

 

In apertura: Una ragazza nomade con il volto cosparso di una sostanza protettiva durante un pellegrinaggio (Tibet, Cina 1990).
Qui sopra: in alto, I pellegrini recitano il Maghrib dopo il tramonto nella tendopoli di Mina, allestita per accoglierli durante l’Hajj (La Mecca, Arabia Saudita 1995); in basso, Partenza per il pellegrinaggio di Pancha Koshi, che comprende la visita a cinque templi dedicati a Shiva e ubicati nelle vicinanze di Benares (Benares, India 2005).

In apertura: Una ragazza nomade con il volto cosparso di una sostanza protettiva durante un pellegrinaggio (Tibet, Cina 1990).
Qui sopra: in alto, I pellegrini recitano il Maghrib dopo il tramonto nella tendopoli di Mina, allestita per accoglierli durante l’Hajj (La Mecca, Arabia Saudita 1995); in basso, Partenza per il pellegrinaggio di Pancha Koshi, che comprende la visita a cinque templi dedicati a Shiva e ubicati nelle vicinanze di Benares (Benares, India 2005).



NOMACHI KAZUYOSHI
Le vie del Sacro

Roma, La Pelanda - Centro di Produzione Culturale
Piazza O. Giustiniani, 4

Orari
da martedì a venerdì h 16:00 - 22:00
sabato e domenica h 11:00 - 22:00
l'ingresso è consentito fino alle ore 21:00
chiuso il lunedì, 24, 25, 31 dicembre 2013, 1 gennaio e 1 maggio 2014

Biglietti
Intero: €10,00
Ridotto: € 8,00 (per minori di 18 e maggiori di 65 anni)

depliant_Nomachi.jpg

 SCARICA SUL TUO COMPUTER freccia3.jpg Download depliant mostra NOMACHI KAZUYOSHI


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale