Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
10 Agosto 2020

Earth day 50: un grande evento mondiale che ha riavvicinato l'uomo alla natura

di Rossana Tosto
Condividi
Earth day 50: un grande evento mondiale che ha riavvicinato l'uomo alla natura

Una maratona planetaria in web e streaming per celebrare il nostro pianeta e sensibilizzare il mondo verso una ricostruzione sociale capace di restituire la felicità a tutti gli abitanti della Terra

Partecipazione planetaria alla maratona web e streaming, con oltre 35 milioni di persone in Italia, per il 50esimo anniversario della Giornata mondiale della Terra (l'Earth day) del 22 aprile scorso sulla piattaforma #OnePeopleOnePlanet, organizzato da ‘Earth day Italia’ e dal Movimento dei focolari. Le celebrazioni hanno avuto inizio allo scoccare della mezzanotte del 22 aprile, davanti a un Colosseo illuminato di blu. Uno straordinario omaggio musicale di Zucchero sulle note di Bono Vox, per ringraziare Papa Francesco del perdono universale del 27 marzo a San Pietro. La maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet, in diretta su RaiPlay, è stata parte integrante della kermesse globale #Earthrise, che ha coinvolto 193 Paesi. Centinaia di autorevoli testimonianze internazionali si sono unite nell'appello per una ricostruzione post-Covid più attenta al pianeta e alla felicità dell'uomo. Straordinaria sintonia di messaggi tra Papa Francesco, Bartolomeo I e António Guterres. Le celebrazioni organizzate da ‘Earth day Italia’ e dal Movimento dei Focolari, con la direzione di Tiziana Tuccillo, Laura Cenci, Federica Vivian e Donato Falmi, hanno avuto la direzione artistica di Giulia Morello, la direzione scientifica di Roberta Cafarotti e la direzione didattica di Marina Placido. Al centro delle celebrazioni italiane, l'evento di Zucchero, che dal Colosseo ha commosso il mondo e la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet, trasmessa dalle 8 alle 20 in diretta su RaiPlay, con la regia di Gianni Milano. Una programmazione di 12 ore, che ha previsto collegamenti 'live' con numerosi programmi dei canali Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai Ragazzi e Rainews. Il mondo si è unito in una staffetta di voci e cuori iniziata con uno dei momenti più significativi del mezzo secolo di ‘Earth day’. “Lo splendido omaggio musicale di Zucchero dedicato all'isolamento Covid”, ha dichiarato Pierluigi Sassi, presidente di ‘Earth day Italia’ “è stato pensato per unire tutti i cittadini confinati al messaggio di speranza lanciato da Papa Francesco il 27 marzo. Piazza San Pietro e Colosseo non sono mai stati così vuoti, ma allo stesso tempo così vicini e pieni di significati”. Il mattino dopo, la maratona multimediale ha preso il via dal Vaticano per ascoltare le parole del SantoFrancobollo_Vaticano.jpg Padre e ripartire subito dopo con le straordinarie emozioni musicali di Noa e Gil Dor. Nel 50esimo ‘Earth day’, il Covid ha unito le persone in una emozionante riflessione globale che, speriamo, possa guidarci davvero verso una ricostruzione sociale capace di restituire a tutti quella felicità che un'economia profondamente ingiusta e predatoria vuole sottrarre per sempre a noi e ai nostri figli. La diretta su RaiPlay ha preso il via dalla Palazzina Leone XIII, in Vaticano, dove il vaticanista, Alessandro De Carolis, ha introdotto il cardinale Turkson per una riflessione sull'ecologia integrale a cinque anni dalla promulgazione dell’enciclica ‘Laudato si’ che tanto ha contribuito a creare una coscienza climatica. “Mai come ora”, ha sottolineato il cardinale Turkson, “il cambiamento nella tutela del creato è di vitale importanza, alla luce di una pandemia che ci ha mostrato quanto sia importante vivere in un pianeta sano. La tragica pandemia del Covid-19”, ha aggiunto il porporato, “ha dimostrando che soltanto insieme e facendosi carico dei più deboli possiamo vincere le sfide globali”. Parole efficaci come quelle di Papa Francesco, che ha sottolineato come occorra “una conversione ecologica” e “un piano condiviso” per scongiurare il deterioramento della Terra, avendo cura delle altre creature e nutrendo amore e compassione per gli altri. Parole condivise anche dal Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I, che ha chiesto all’intera umanità di "fermarsi, di ricordare il grido di dolore che sorge dalla natura ferita in questa nostra casa comune, dentro la quale siamo divenuti tiranni e non operatori di pace". Perfettamente in armonia con questi messaggi quelli di altri leader mondiali quali: Azza Karam e Karenna Gore per ‘Religions for Peace International’; Maria Voce, presidente del Movimento dei focolari; António Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite, il quale ha prodotto un video nel quale ha affermato: “Oltre al Covid 19, abbiamo un'altra profonda emergenza globale: la devastazione climatica, che sta raggiungendo il punto di non ritorno. Per questo, propongo un piano d'azione per uscire da entrambe le crisi, al fine di andare tutti insieme verso un futuro più giusto per l'umanità”.

I CONTENUTI DELLA MARATONA
Grazie al sostegno di Huawei, impegnata in una robusta campagna di sostegno all'Italia nella lotta al coronavirus, è stato possibile celebrare il 50° Earth day nonostante le rigorose restrizioni imposte dalla pandemia, consentendo all'Italia di aprire le celebrazioni con una straordinaria dedica a Papa Francesco da parte di tutto il network mondiale della Ong 'Earth day', che conta oltre 75mila partner in 193 Paesi Onu.

NUMEROSE LE TESTIMONIANZE
Davvero suggestiva performance di Zucchero, che in prima assoluta ha aperto le celebrazioni del 50° anniversario della Giornata Mondiale della Terra, in una Roma deserta, seduto al pianoforte sullo sfondo del Colosseo illuminato di blu. Zucchero ha scritto, cantato e suonato 'Canta la vita', brano in italiano tratto da 'Let your love be known', composto il 17 marzo giorno di san Patrizio, da Bono Vox in omaggio agli italiani colpiti dal Covid 19. Immagini ed emozioni irripetibili, pensate per dire grazie a Papa Francesco, che meno di un mese prima aveva offerto il perdono universale davanti ad un piazza San Pietro completamente vuota. Immagini destinate a rimanere scolpite nella memoria storica, a testimonianza del rispetto e della tutela dell’immenso valore della cultura, dell’arte e del patrimonio archeologico dell’intera umanità. È stato infatti possibile realizzare tale performance grazie alla collaborazione del Mibact, del Parco archeologico del Colosseo e del Gruppo Acea e le immagini montate, durante la notte, sono state lanciate in anteprima mondiale dal Tg1 delle 13.30, seguito da più di 5 milioni di telespettatori. Dopo una sigla-video offerta dalla Fondazione Diana e ispirata al discorso del 27 marzo scorso di Papa Francesco ha quindi preso il via la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet con 12 ore di testimonianze 'live'.

I NUMERI DELLE CELEBRAZIONI
Molto interessanti i dati - ancora parziali - delle celebrazioni. Raccoglierli nel mondo richiederà diversi giorni. Ad oggi, la maratona multimediale globale, di cui quella italiana è stata parte, ha raggiunto il numero impressionante di 40 milioni di visualizzazioni. L'organizzazione mondiale di Washington ha fatto sapere, con una nota stampa, che “nonostante 3,9 miliardi di confinati in casa, oltre 100 milioni di persone hanno pubblicamente preso impegni per la tutela del pianeta". Significativo il contributo dell'Italia a questa grande mobilitazione globale: per il solo evento di Zucchero al Colosseo sono stati contabilizzati 137 milioni di contatti. Secondo la nota agenzia PR Newswire, questo numero è destinato a moltiplicarsi nei prossimi giorni. Anche in Italia, l'impatto di sensibilizzazione è molto significativo. Attraverso i diversi media - Tv/radio/carta stampata/web/social - sono stati prodotti 80 milioni di contatti. Di questi, 61 milioni sono stati prodotti dalle dirette e dalle attività promozionali in Tv; 10 milioni sono stati prodotti della stampa cartacea e web; 3 milioni di contatti sono stati prodotti dalle radio; 4,34 milioni di contatti sono stati prodotti dalle attività social, con 2,33 milioni di visualizzazioni. Inoltre, tra le dirette su RaiPlay, media partner e network degli organizzatori, la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet ha fatto registrare complessivamente 500 mila collegamenti in streaming e oltre 1.5 milioni di visualizzazioni. Peraltro, l'evento è entrato nella 'top ten' dei programmi più visti in diretta streaming su RaiPlay in tutte le fasce sia per numero di connessioni, sia per la durata in ore delle stesse connessioni. Si stima che, soltanto in Italia, siano stati raggiunti dalla sensibilizzazione circa 35 milioni di cittadini.

Papa_Francesco_al_Villaggio_della_Terra.jpg

NELLA FOTO QUI SOPRA: PAPA FRANCESCO AL VILLAGGIO DELLA TERRA

AL CENTRO: IL FRANCOBOLLO EMESSO DALLA CITTA' DEL VATICANO PER L'EVENTO

IN APERTURA: IL LOGO DELLA MANIFESTAZIONE


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale