Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
20 Giugno 2024

Una 'collettiva' che ha rilanciato la vivacità artistica della capitale

di Chiara Giurìa Cortese e Valentina Ughetto
Condividi
Una 'collettiva' che ha rilanciato la vivacità artistica della capitale

Una mostra portatrice di ottime idee, quella inaugurata lo scorso 1° aprile nello splendido spazio di Patrizia Anastasi all’inizio di viale Mazzini, con le opere di Savarese, Cusella, Mezzaroma e Macrì, ulteriormente arricchita da un omaggio a Giampiero Malgioglio e Luna Berlusconi: due artisti che declinano il loro ‘messaggio pop’ con eleganza e raffinatezza

Sabato 1 aprile 2023, a partire dalle ore 18.00, all'inizio di viale Giuseppe Mazzini n. 1 in Roma, si è aperto uno spazio dedicato in cui erano esposte alcune opere di Luna Berlusconi e Giampiero Malgioglio presso la galleria ‘Patrizia Anastasi Arte’, all’interno della mostra collettiva dal titolo: ‘L’arte si racconta’. La galleria ‘Patrizia Anastasi Arte’, in collaborazione con ‘Arteoratv’, situata presso l'associazione culturale ‘Plus Art Puls’, nella splendida location dedicata all'arte di Matisa Mendes Faria in viale Mazzini 1, tra scultura, acrilico, collage e fotografia, ha presentato una 'collettiva' di quattro artisti straordinari come Angelo Savarese, Alberto Cusella, Stefano Mezzaroma ed Euplemio Macrì, che tramite le loro opere si raccontano. Inoltre, durante la mostra, è stato fatto un omaggio speciale agli artisti Luna Berlusconi e Giampiero Malgioglio e tutta la serata è stata allietata dalla splendida voce di Emmanuelle D'Alterio e da un aperitivo del Casale del Giglio. Erano presenti: la manager di Luna Berlusconi, Paula Mordo e il critico Pasquale Lettieri, il quale ha presentato al pubblico intervenuto l’artista Angelo Savarese. Sulla scena romana, l'artista Luna Berlusconi è rappresentata dalla galleria di Patrizia Anastasi e da 'Arteoratv' di Roberto Porcelli, che con le sue conosciutissime e famose televendite ci descrive le opere di tanti artisti, storici ed emergenti. Erano inoltre in rassegna anche le opere di Giampiero Malgioglio, in esclusiva con il gallerista Luigi Proietti e tramite ‘Arteoratv’ di Roberto Porcelli, sempre in collaborazione con Patrizia Anastasi. Alla mostra era presente anche Helena De Jesus di ‘Other Couture’ - un brand di moda ispirato all’arte africana - l’artista Angelo Savarese e l’architetto Giovanni Arrigoni. Fotografo ufficiale della serata: Claudio Di Domenico.

Gli artisti della 'collettiva'

Angelo Savarese: scrittura, scultura e pittura si fondono nelle opere di Angelo Savarese, autore di racconti di vissuto interiore e di immagini contemporanee. La sua sensibilità artistica lo porta alla creazione di opere in cui fluiscono emozioni e sensazioni, coordinate e raccordate dall'uso sapiente del colore. Savarese ha realizzato, insieme al maestro Michelangelo Pistoletto, il celebre progetto artistico/culturale ‘La bandiera del mondo’ e ha recentemente realizzato un’opera scultorea in bronzo, ‘L’angelo fedele’, dedicata alla figura del Maresciallo dei Carabinieri e posizionata all’interno della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Firenze. Magmatiche e ipnotiche, le illusioni di Savarese ci trasportano nell'io interiore dell'artista, tra i pensieri che egli esprime nelle sue frasi o nelle suggestioni procurate dai suoi ricordi. Sembra un mondo sospeso,Cusella.jpg quello dei dipinti di Savarese: un mondo vissuto, ma ancora non posseduto, cercato con passione.

Alberto Cusella:
Un ‘Petrarca’ dell’arte astratta. Una visione antropocentrica della pittura e una poetica di sentimenti in contrasto, rendono le opere di Alberto Cusella vive e vibranti. I colori musicalmente si alternano, si mescolano, si sfidano tra le trame di segni ortogonali. Un orizzonte divide la tela ed è testimone dell’equilibrio della vita, la luce e l’ombra, il bene e il male. Colore e forma sono complici, nel voler dominare una natura che è pur presente. Cusella è un artista espressionista che molto sperimenta: la sua tavolozza è vivida; i primari oscillano tra piani in evidenza e piani in dissolvenza, si decolorano e si sciolgono; altre volte, sono corposi, materici e il quadro prende stabilità e forza.

Stefano Mezzaroma: laureato in Economia alla Bocconi, è amministratore della società di famiglia, che opera nel settore immobiliare ed è diventato, al tempo stesso, un grande artista a 360 gradi, coltivando le sue grandi passioni da oltre 20 anni: pittura, fotografia, scultura e musica (è stato anche un noto dj della ‘Night Life’ milanese, dove ha vissuto per 5 anni). Sperimenta da sempre nuove tecniche artistiche, tra cui la vernice spray, il ‘pic collage’, lo ‘screen printing’ e dettagli sul digitale. Inoltre, Stefano Mezzaroma è stato in grado di sviluppare uno stile unico, ispirato ai grandi maestri della ‘pop art’, da Warhol al nostro Schifano, passando per ‘street artist’ come Shepard Fairey (Obey). Ricorrenti sono le figure iconiche della cultura popolare anni ‘80 e ‘90 del secolo scorso e i grandi brand commerciali che abbina e rielabora. Uno dei suoi più grandi collezionisti è lo stilista Giorgio Armani. Dopo aver portato alcune sue opere alla 54esima biennale di Venezia, Padiglione Italia, una selezione dei suoi lavori sono stati permanentemente esposti nella galleria Hausammann di Cortina d’Ampezzo.

Euplemio Macrì: nasce a Roma nel 1965. Dopo studi classici e musicali, prosegue la sua ricerca sul linguaggio teatrale, filmico, fotografico, poetico e, in primis, pittorico. In questa mostra, Macrì dà uno sguardo alla vita, a un immaginario nato da scenari figurativi, scomposti nei loro elementi trattati come in una astrazione, che vengono elaborati, riconfigurati e dinamizzati liberamente.

LunPatrizia_Anastasi_arte.jpga Berlusconi: pittrice e scultrice, Luna Berlusconi si presenta al grande pubblico internazionale partendo dalle sue esperienze giovanili. Accanto a Gino De Dominicis ne ha fatta di strada la ragazza, che sognava di entrare da protagonista nella storia dell’arte. Del resto, la stoffa non le mancava e nemmeno i mezzi. Infatti, si è fatta le ossa nell’ambito della comunicazione delle aziende di famiglia e, oggi, la comunicazione è tutto. Ce lo insegnano grandi nomi come Koons, Banksy e Hirst. Ora, provate a pensare dove potrà arrivare un’artista di talento come lei, con la sua esperienza in questo campo strategico. Utilizza un linguaggio ‘pop’ estremamente evoluto e contemporaneo, alternando con sapienza temi puramente ‘pop’, con tematiche legate alla condizione femminile nel mondo. Ha creato dal nulla un materiale nuovo e seducente, come il magnete. Insomma, è l’artista perfetta.

Giampiero Malgioglio:
spesso ci si chiede se si può andare oltre le intuizioni dei grandi maestri del novecento. La risposta è che solo i grandi possono farlo. Questo è ciò che ha fatto un artista romano, che si chiama Giampiero Malgioglio. E la cosa incredibile è che ha preso le mosse da concetti che più lontani non si potevano nemmeno immaginare. Infatti, egli è riuscito a unire la tecnica delle estroflessioni di Bonalumi e Castellani, con un linguaggio ‘pop’ che più ‘pop’ non si può. Nelle sue opere tridimensionali vivono in perfetta armonia queste due anime, che raccontano il nostro tempo con eleganza e raffinatezza. Le sue Minnie, Topolino, Marilyn, Diabolik e le firme dei grandi brand iconici del nostro tempo, oggi le troviamo nelle grandi manifestazioni internazionali, a partire da Art Basel Miami e nelle più importanti gallerie internazionali di Milano, Londra, Parigi e New York.
Mickey_Mouse.jpg

QUI SOPRA: IL SIMPATICISSIMO 'TOPOLINO' DI GIAMPIERO MALGIOGLIO

NEL TESTO: UNO SCORCIO DELLA GALLERIA 'PATRIZIA ANASTASI ARTE'

AL CENTRO: UN'OPERA ESPRESSIONISTA DI ALBERTO CUSELLA

IN APERTURA: LA LOCANDINA UFFICIALE DELL'EVENTO ROMANO



Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale