Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
7 Aprile 2020

Melanoma? “Non si può morire!”

di Roberta Valeriani
Condividi
Melanoma? “Non si può morire!”

Dopo anni di stasi la ricerca ha messo a punto due nuove molecole che hanno dimostrato una straordinaria efficacia terapeutica. In Campania varato un progetto innovativo: nelle farmacie c’è un apparecchio che fotografa i nei con una dermatoscopia, poi l’immagine viene inviata in laboratorio ed entro 72 ore il referto viene inoltrato direttamente alla farmacia, così il paziente, se necessario, può immediatamente provvedere.

“Il melanoma, sebbene sia un tumore molto aggressivo, ha l’enorme vantaggio di essere immediatamente visibile e diagnosticabile: con più attenzione da parte delle persone, ed una migliore prevenzione e dunque diagnosi precoci sarebbe possibile evitare quei 1.600 tumori scoperti ogni anno in Italia quando sono ormai metastatici e lasciano poche speranze”. A sottolineare le grandi possibilità, ancor troppo spesso sprecate, di “giocare d’anticipo” contro la più diffusa forma di neoplasia della pelle è Alessandro Testori, direttore della Divisione melanomi e sarcomi muscolo cutanei dell’Istituto europeo di oncologia di Milano. L’esperto parla da Chicago, dove si è tenuto nei giorni scorsi il congresso dell’Associazione americana di oncologia (Asco) il più importante appuntamento mondiale per gli specialisti e dove, dopo decenni di stallo, anche per il melanoma sono state segnalate importanti novità terapeutiche, dedicate proprio ai pazienti più ‘delicati’, quelli con una malattia in fase avanzata. “Quando il melanoma viene diagnosticato in fase metastatica - afferma Testori - purtroppo, le possibilità di cura sono limitate. Ora però, dopo decenni di ricerche fallite, le cose stanno cambiando, grazie soprattutto alle ‘target therapies’, farmaci che colpiscono specifiche mutazioni genetiche del tumore”. All’Asco, infatti, sono stati presentati due importanti studi per i pazienti con tumore in stadio avanzato e due farmaci (ipilimumab, questo il nome della molecola, prodotta da Bristol-Myers Squibb, e vemurafenib dalla Roche) che hanno dimostrato di allungare la sopravvivenza e ridurre il rischio di morte a breve termine. Si tratta di medicinali giunti all’ultima fase di sperimentazione e pertanto non ancora in commercio, ma ricevibili solo all’interno di protocolli sperimentali. Entrambe le molecole hanno una tossicità ridotta, con effetti collaterali riguardanti per lo più eruzioni cutanee, e sono state generalmente ben tollerate dai partecipanti ai trial. Nello specifico, una ricerca ha provato che l’uso della molecola ‘rafforza-difese immunitarie’ ipilimumab, in prima linea in combinazione con la chemioterapia standard, migliora la sopravvivenza in misura notevole: dopo tre anni di cura, infatti, è vivo il 20-25 per cento dei malati contro il solo 5 per cento del passato. “Si tratta - chiarisce il direttore della Divisione di oncologia e immunoterapia del Policlinico di Siena Michele Maio, dove parte dei test sono stati condotti - di curare il melanoma con un approccio nuovo e rivoluzionario, l’immunoterapia che agisce rafforzando le cellule del sistema immunitario, che diventano così in grado di cercare e distruggere le cellule cancerose”. Molto positivi si sono rivelati anche i dati sulla piccola molecola sperimentale vemurafenib, a somministrazione orale, progettata per colpire selettivamente una forma mutata cancerogena della proteina Braf, che si trova nella metà di tutti i casi di melanoma. “Anche i pazienti con malattia avanzata rispondono brillantemente al trattamento in soli 15 giorni - dice Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di oncologia medica e terapie innovative all’Istituto dei tumori Fondazione Pascale di Napoli, secondo centro al mondo per reclutamento di pazienti nel trial - il farmaco porta a una diminuzione del 63 per cento del rischio di decesso, e un calo significativo del rischio di peggioramento della malattia, del 74 per cento rispetto alla chemioterapia”. Secondo gli esperti, la combinazione tra i due farmaci potrebbe essere mortale per il melanoma, tanto che le due case farmaceutiche hanno deciso di coalizzarsi e hanno già siglato un accordo per far partire una sperimentazione congiunta su entrambe le molecole. L’appello che arriva dall’Asco è dunque quello di una maggiore prevenzione. “Il melanoma - affermano uniti gli scienziati - sebbene sia un tumore aggressivo e potenzialmente letale, è anche il più battibile, perché è immediatamente visibile e diagnosticabile: con più prevenzione e diagnosi precoci è possibile evitare 1.600 casi l’anno solo in Italia, ossia i tumori metastatici che ormai lasciano poche speranze”. “In un tumore come il melanoma - sottolinea Alessandro Testori, direttore della Divisione melanomi e sarcomi muscolo cutanei dell’IEO di Milano - è intollerabile che ci sia una diagnosi ritardata. Basta farsi controllare la pelle, i nei in primis, una volta l’anno con una visita dermatologica coadiuvata da un esame in epiluminescenza, e se preso precocemente il melanoma è uno dei tumori più guaribili. Non si può morire di melanoma!”. I dati parlano chiaro: con una diagnosi precoce guarisce l’80-85 per cento delle donne e il 70-75 per cento degli uomini, a fronte di percentuali praticamente nulle in caso di melanoma già in fase avanzata. “E’ importante farsi vedere dal dermatologo, ma anche controllarsi da soli - aggiunge Testori - non a caso sappiamo che le persone in coppia sono più controllate e meno soggette al rischio dei single, proprio perché si controllano a vicenda”. Se le opzioni terapeutiche, dopo decenni di stasi, cominciano a offrire segnali importanti di risveglio, la prima arma contro il melanoma rimane la diagnosi precoce, anche ‘fai da te’: “Possiamo fotografare i nostri nei - spiega l’oncologo - a distanza di 3 o 4 mesi e confrontare eventuali cambiamenti nell’aspetto e nel colore. Il segreto è il sistema ABCDE, ossia valutare asimmetria, bordo, colore, diametro e elevazione. Eppure l’Italia su questo è ancora indietro” “Dobbiamo fare più campagne di comunicazione - avverte Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di oncologia medica e terapie innovative all’istituto dei tumori Fondazione Pascale di Napoli - perchè evidentemente questo è un tema poco sentito. Se tutte le donne ormai si sottopongono a controlli al seno e ginecologici regolari, deve essere così anche per le visite dermatologiche. Su questo noi in Campania abbiamo varato un progetto innovativo: nelle farmacie c’è un apparecchio che fotografa i nei con una dermatoscopia, poi l’immagine viene inviata all’istituto e entro 72 ore noi mandiamo il referto direttamente alla farmacia, così il paziente se necessario può immediatamente venire da noi per una visita più accurata”.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale