Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
24 Gennaio 2022

24 ergastoli per gli aguzzini della repressione sudamericana

di Stefania Catallo
Condividi
24 ergastoli per gli aguzzini della repressione sudamericana

Storica sentenza della Corte di Assise di Appello di Roma, che ha condannato all’ergastolo 24 imputati per omicidio volontario e sparizione di 43 persone, 23 delle quali di nazionalità italiana, nell’ambito della repressione operata negli anni ’70 e ’80 del secolo scorso in America Latina

“Continuate ad avere fiducia nella giustizia, nonostante tutto”.
Così Franco Ippolito, presidente della ‘Fondazione Basso’, presso la cui sede si è tenuta, il 9 luglio scorso, la conferenza stampa relativa alla sentenza della Corte di Assise di Appello di Roma, che ha condannato all’ergastolo 24 imputati per omicidio volontario e sparizione di 43 persone, 23 delle quali di nazionalità italiana, nell’ambito della repressione operata negli anni ’70 e ’80 del secolo scorso in America Latina. Dopo il colpo di Stato in Cile, che l’11 settembre 1973 destituì il presidente Allende, ebbe inizio il cosiddetto 'Plan Condor', ossia l’instaurazione Salvador_Allende.jpgdi una serie di dittature nei Paesi dell’America Latina favorite e orchestrate, a quanto sembra, dall’allora governo statunitense. Dall’Uruguay al Cile, dal Perù all’Argentina e al Brasile: tutti questi Paesi vennero presto dominati da dittature sanguinarie che agivano allo stesso modo, cioè reprimendo qualsiasi forma di dissenso attraverso arresti arbitrari, torture, uccisioni e sparizioni. Ne furono a capo personaggi quali Pinochet e Videla, che annientarono un’intera generazione di giovani creando il fenomeno dei 'desaparecidos', ossia degli scomparsi. A questi vennero sottratti i figli, che furono dati in affidamento a famiglie vicine ai regimi, in modo da creare una nuova generazione che, secondo la folle logica di queste dittature, potesse portarne avanti i valori antidemocratici. Si conta che, nella sola Argentina, i 'desaparecidos' siano stati 30 mila e solo grazie all’impegno delle Madri e delle Nonne della Plaza de Mayo sono stati ritrovati oltre 100 di quei bambini – oggi adulti – sottratti arbitrariamente alle loro famiglie.
Il segretario alla presidenza della Repubblica Orientale dell’Uruguay, Michelangel Tomas Sanchez, ha espresso la sua viva soddisfazione per la sentenza dell’8 luglio, che ha ribaltato quella del processo di primo grado, tenutosi il 17 gennaio 2017, che aveva condannato all’ergastolo solo 8 degli imputati, mandandone assolti 19 ritenuti responsabili soltanto di sequestro di persona – reato caduto in prescrizione – oltre al proscioglimento di altri 6 inquisiti in quanto deceduti. Tra i condannati, alcuni nomi eccellenti, come Luis Arce Gomez, ex ministro dell’interno boliviano; l’ex presidente del Perù, Francisco Morales Bermudes; e il tenente di vascello, Jorge Nestor Fernandez Troccoli, che si era trasferito in Italia nel 2007, nel tentativo di sfuggire al processo intentatogli a Montevideo avvalendosi della doppia cittadinanza. Per lui si sono aperte le porte del carcere.
Sono stati necessari quasi 20 anni di ricerche, di ascolto dei testimoni, di comparazioni e rapporti tra tribunali di Paesi diversi per giungere finalmente alla sentenza. Il pm, Tiziana Cugini, aveva spiegato che i sequestri “non erano fatti solo per ottenere informazioni, ma per uccidere. E questi omicidi erano necessari per eliminare prove e testimoni, al fine di esprimere un monito a quanti volessero ancora impegnarsi nella lotta contro le dittature”. Per fare tutto ciò era necessario disporre di una rete, o meglio di un apparato che funzionasse in maniera sistematica, affinché non ci fossero intoppi, o meglio, non fossero lasciate prove o tracce che rimandassero a responsabilità specifiche degli aguzzini. E gli imputati facevano parte di questo apparato. “Il Plan Condor non è mai finito” ha dichiarato alla fine della conferenza stampa, Julio Frondizi, esule argentino e nipote dell’omonimo ex presidente, vittima di un tentativo di omicidio a causa delle sue idee politiche, mostrando la cicatrice della pallottola che lo ha raggiunto alla tempia e che, miracolosamente, non lo ha ucciso.
Julio_Frondizi.jpg

NELLA FOTO QUI SOPRA: JULIO FRONDIZI, ESULE ARGENTINO;

AL CENTRO, IL PRESIDENTE DEL CILE, SALVADOR ALLENDE;

IN APERTURA: LA COPERTINA DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI ASSISE DI ROMA


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale