Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
23 Ottobre 2019

L'omaggio ad Alda Merini di Giovanni Nuti e Monica Guerritore

di Michela Zanarella
Condividi

Nuti_Guerritore_Merini.jpg

"Mentre rubavo la vita", lo spettacolo andato in scena al  Teatro Vittoria di Roma, è il sentito omaggio in forma di concerto alla poesia della poetessa dei Navigli

Uno spettacolo che colpisce per la profondità di emozioni che si percepiscono ad ogni verso della Merini, quello andato in scena dal 9 al 19 ottobre al Teatro Vittoria di Roma. Un atto d'amore alla memoria della poetessa scomparsa nel 2009, nel quale poesia e musica si fondono perfettamente nella voce di due grandi artisti, lei, Monica Guerritore, attrice, e lui, Giovanni Nuti, cantautore, musicista e collaboratore storico di Alda Merini.
Un concerto originale e commovente. Una ventina di canzoni con i testi di Alda, supportato da bravissimi musicisti che suonano rigorosamente dal vivo. Non solo canzoni a rendere il tutto coinvolgente, ma anche pensieri, aneddoti, ricordi su Alda. Si parla dell'amore, della gioia, del dolore, di quel talento che ha dato vita a poesie straordinarie che ora sono patrimonio culturale non solo per gli appassionati di poesia, ma per chiunque. Un susseguirsi di racconti sulla vita della poetessa,  una vita non facile, scandita da situazioni drammatiche, come l'internamento in manicomio, ma anche di momenti ironici e divertenti, intimamente personali. 
E non si può non rimanere affascinati dalle parole che Alda sceglieva, con minuzia e precisione, per dare forma ai suoi testi: "Mi basta un’immersione nell’anima e vedo l’universo”. 
Un'ora e mezza di sentimenti che pulsano, tra immagini che scorrono e l'alternarsi di canzoni magistralmente interpretate. L'intesa della coppia  Nuti-Guerritore si fonde all'energia di Alda, facendola rivivere attraverso le voci, le parole e la musica che lei tanto amava. Molto originali i brani  "Una piccola ape furibonda" e "La zanzara" che nel ritmo hanno la loro forza e particolarità.
La Guerritore dimostra una padronanza scenica che avvolge il pubblico. Non certo una sorpresa per chi l'ha vista crescere sul palcoscenico. Abile anche nella veste di cantante, sa affiancare decisamente bene Giovanni Nuti, ottimo interprete e musicista.Dopo le date romane, lo spettacolo proseguirà in altre città: dal 24/10 al 2/11 2014 a Milano al Teatro Menotti, il 4 novembre 2014 a Genova al Teatro Politeama, il 9 novembre 2014 a Rimini al Teatro Novelli, il 30 novembre 2014 a Lugano al Palazzo dei Congressi.


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale