Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
24 Settembre 2018

Le novelle elettroniche

di Michele Di Muro - mdimuro@periodicoitalianomagazine.it
Condividi
Le novelle elettroniche

La biblioteca pubblica di New York ha sviluppato una interessante campagna di sensibilizzazione alla lettura, che mira a coinvolgere la nuova generazione digitale rendendo la cultura smart e accessibile

Il telefono, oggetto quotidiano al quale siamo perennemente incollati e co-responsabile della diminuzione del numero dei lettori, può al contrario divenire il viatico attraverso il quale favorire un rinnovato interesse attorno alla letteratura. Come? Tramite le ‘stories’ di Instagram. Il celebre social network è il più utilizzato tra i ‘millenials’ che, stufi di pubblicare foto sulla propria pagina, interagiscono tra loro quasi esclusivamente tramite lo strumento delle ‘stories’. Queste appaiono in scorrimento sulla bacheca e rendono l’utilizzo della piattaforma ancora più snello e immediato. I contenuti sono per forza di cose per lo più immagini e video, propri o catturati nel web (vi è poco spazio per i contenuti espressi in parola). Tutte le aziende sono preQueen.jpgsenti sul social. E non ci è voluto molto prima che queste iniziassero a sviluppare strategie pubblicitarie, da diffondere attraverso le ‘stories’. Perché, dunque, non utilizzare tale strumento per sviluppare interesse verso la letteratura? Devono aver pensato questo i vertici della biblioteca pubblica di New York (NYPL), i quali si sono rivolti all’agenzia pubblicitaria ‘Mother’ per commissionarle la realizzazione delle ‘Insta Novels’. Si tratta di un processo di trasformazione dei testi in romanzi d’animazione digitali, da pubblicare sul noto social network. Le ‘stories’, sviluppate per primo dal social network ‘Snapchat’, non sono immagini fisse, ma hanno durata variabile, scaduta la quale si passa all’immagine successiva. Per questo motivo, nel caso delle ‘Insta Novels’, ogni frammento del testo presenta un tasto che, se premuto, consente di bloccare le scorrimento per il tempo necessario alla lettura. Inoltre, le ‘stories’ sono visibili sul ‘feed’ normalmente per sole ventiquattro ore, ma possono essere salvate sul proprio profilo, ponendole quindi “in evidenza”, restando perennemente disponibili e reperibili.
Il primo romanzo pubblicato dalla NYPL il 22 agosto scorso è stato il classico ‘Alice nel paese delle meraviglie’ di Lewis Carroll. Il testo, pubblicato per esteso (in lingua inglese) in due ‘stories’ distinte, è arricchito dall’illustrazione del designer Magoz. In fondo a destra troviamo ulteriori immagini animate, che rimandano a oggetti emblematici presenti nella storia (l’orologio, la serratura, il fungo e così via) e che si costruiscono man mano che si procede nella lettura. La biblioteca ha reso disponibile sul suo profilo Instagram anche un video tutorial sempre in forma di ‘stories’, che illustra le modalità attraverso le quali poter leggere il testo in maniera efficace e godibile. I prossimi testi a essere pubblicati secondo tale procedimento saranno il racconto breve di Charlotte Perkins, ‘The Yellow Wallpaper’ (La carta da parati gialla) e ‘La metamorfosi’, di Franz Kafka.
Corinna Falusi dell’agenzia Mother ha sottolineato come il progetto "sia direttamente in linea con la mission della biblioteca: rendere la conoscenza del mondo accessibile a tutti". L’iniziativa si pone come parte del processo di digitalizzazione della letteratura, avviato ormai da tempo e che ha portato alla nascita del ‘kindle’: il dispositivo elettronico col quale è possibile leggere i testi in formato elettronico. In questo caso, si è cercato di soppiantare il mai del tutto defunto e caro vecchio libro cartaceo, con la sua versione digitale. L’idea promossa dalla libreria americana segue, invece, un approccio diverso, in quanto sfrutta la tecnologia e gli strumenti di diffusione delle immagini già esistenti per creare contenuti culturalmente elevati, al fine di formare una nuova generazione di lettori.
insta_novels.jpg

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale