Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto
di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
19 Maggio 2019

Matera: la capitale europea della cultura 2019

di Dario Cecconi
Condividi
Matera: la capitale europea della cultura 2019

Scelta anche da Raiuno per festeggiare in allegria l'ormai prossimo capodanno con uno spettacolo televisivo che vedrà protagonisti tanti artisti di fama nazionale, dal 19 gennaio il particolarissimo capoluogo lucano sarà al centro del mondo

A ufficializzare la proclamazione di Matera come capitale europea della cultura 2019 è stato, il 7 ottobre 2014, l’allora ministro ai Beni e alle Attività culturali e al Turismo, Dario Franceschini, al termine di un lungo percorso avviato nel 2008 con la presentazione della candidatura. Per tutto il 2019, la cittadina della Basilicata ospiterà eventi di ogni sorta, per accontentare tutti i tipi di pubblico. Un’occasione straordinaria, di rilievo mondiale, che consentirà di far conoscere a tutto tondo la storia e le tradizioni di un piccolo grande ‘gioiello’ del nostro Paese. Matera condividerà il titolo di capitale europea della cultura insieme a PlovMatera_2.jpgdiv, cittadina della Bulgaria. Si tratta della prima città del sud d’Italia a ricevere questo riconoscimento. Dopo la candidatura, la città era rientrata in gruppo con altre cinque città italiane (Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena), dal quale è uscita vincitrice. Il motto scelto dalla città lucana per l’evento è: 'Open future'. Cinque le tematiche dell’evento: ‘Radici e percorsi’; ‘Continuità e rotture’; ‘Futuro remoto’; ‘Utopie e distopie’; ‘Riflessioni e connessioni’. Nel corso di tutto il 2019, inoltre, ogni giorno sarà caratterizzato da cinque attività da svolgere tra mostre, spettacoli, escursioni particolari e originali, incontri. Ogni comune della Basilicata potrà essere ‘capitale per un giorno’, organizzando iniziative in linea con valori e temi di ‘Matera 2019’. La capitale europea della cultura è un'istituzione nata nel 1985, per promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico e culturale dei Paesi membri dell'Ue. La prima città proclamata fu la capitale greca Atene, mentre l'Italia è stata rappresentata, in passato, da Firenze nel 1986, Bologna nel 2000 e Genova nel 2004. Sul sito ‘TicketOne’ è possibile acquistare il passaporto ufficiale per il grande evento: 19 euro per vivere un’esperienza che si preannuncia unica, con 800 tra operatori e artisti provenienti da tutto il mondo, più di 50 produzioni culturali originali, 5 imperdibili grandi mostre e tanto altro. Previsti sconti per i residenti in Basilicata.

Alla scoperta di un'antichissima città

Matera è la seconda città della Basilicata per popolazione, con oltre 60 mila abitanti. E’ nota soprattutto come la ‘città dei Sassi’: gli storici quartieri riconosciuti nel 1993 come patrimonio dell’umanità Unesco. Le sue origini sono molto remote e, proprio per questo, si tratta di una delle località ancora abitate più antiche al mondo. Ha conosciuto diverse dominazioni: dai Longobardi ai Normanni, fino agli Aragonesi. Venendo a epoche più recenti, è stata la prima città del Mezzogiorno d’Italia a insorgere contro i nazisti. I famosi ‘Sassi’ sono due rioni che costituiscono la parte antica della città e si distendono in due ‘vallette’, separate tra loro dallo sperone roccioso della 'Civita'. Il ‘Sasso Barisano’, fulcro della città vecchia, è il più ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo. Il ‘Sasso Caveoso’, invece, assume vagamente la forma di una ‘cavea teatrale’, da cui probabilmente prende il nome. Al centro si trova la 'Civita', cioè lo sperone roccioso che separa i due ‘Sassi’, sulla cui sommità sorgono la cattedrale e i bellissimi palazzi nobiliari.
Matera.jpg

NELLA FOTO: UNA VEDUTA PANORAMICA DI MATERA AL TRAMONTO

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale