Il mensile di informazione e approfondimento che
intende riunire culturalmente il nostro Paese nel pieno rispetto di tutte le sue tradizioni, vocazioni e ispirazioni ideologiche e politiche.
diretto da Vittorio Lussana
Area Riservata
16 Ottobre 2019

Lorella Cuccarini: "Mi definisco sovranista"

di Dario Cecconi
Condividi
Lorella Cuccarini: "Mi definisco sovranista"

E’ quanto emerge da un’intervista che la showgirl, conduttrice e attrice ha rilasciato al quotidiano ‘La Verità’, diretto da Maurizio Belpietro, in cui la più amata dagli italiani ha confessato la sua recente ‘folgorazione’ per le destre tradizionaliste

Il ‘sovranismo’, da vocabolario, è una posizione politica che “propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovranazionali di concertazione”. E Lorella Cuccarini ha deciso di difendere il concetto di sovranità, richiamandosi, principalmente, alla Costituzione italiana. Lo ha fatto alcuni giorni fa in un’intervista rilasciata al quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, ‘La Verità’. “Ho votato per una delle due forze al governo”, ha dichiarato, difendendo anche le posizioni del nuovo presidente della Rai, Marcello Foa. Ha raccontato, infatti, di aver letto il suo libro, ‘Gli Stregoni della notizia’ (Guerini e Associati) e di averlo trovato illuminante. “Il libro di Foa mi è stato consigliato da mia sorella e mi ha molto colpito. Due anni fa holorella_cuccarini.jpg letto ‘Il mondo nuovo’ di Aldous Huxley e mi si è aperta la finestra del ragionamento sulle utopie negative”. Proseguendo nelle sue riflessioni, la Cuccarini ha dichiarato anche che, nella scelta tra popolo ed élite, non ha nessuna esitazione nel preferire il primo. Nell’intervista, la showgirl arriva anche a parlare dello spread: “Pochi giorni fa ho letto un sondaggio: una delle paure più grandi degli italiani è lo spread. Non possiamo vivere con l’incubo dello spread: l’ho capito persino io”. Quindi, un passaggio sull’Unione europea: “Viviamo un’Unione divisa dagli egoismi, costruita sulla speculazione dei grandi mercati. Non c’è etica, c’è troppa finanza. Sovranità sembra diventata una brutta parola. Eppure, il concetto è scritto nel primo articolo della nostra Costituzione”.
Questo non è certo il primo caso in cui, in Italia, personaggi di spettacolo dichiarano, più o meno apertamente, le loro posizioni ideologiche, o si inoltrano in riflessioni che ben si legano a temi politici attuali, su cui è concentrata l’attenzione di stampa e mass media. In America, casi come questi sono all’ordine del giorno.

Lorella Cuccarini: showgirl, conduttrice e attrice
Nata a Roma il 10 agosto 1965, è sicuramente una delle artiste più amate dal pubblico televisivo. Fu scoperta da Pippo Baudo, che la volle accanto a sé a ‘Fantastico’, nel 1985. Da allora, il suo volto è uno dei più noti del panorama artistico italiano. A partire dagli anni ‘90 si è cimentata nella conduzione di programmi televisivi targati Mediaset, formando un sodalizio lavorativo con Marco Columbro, con il quale ha condotto fortunate edizioni di varietà come ‘Paperissima’ e ‘Buona Domenica’. Ha co-condotto il Festival di Sanremo, nel 1993. Negli anni successivi, ha proseguito l'attività artistica e canora, interpretando anche le sigle di programmi da lei condotti. Dal 1994, è testimonial della maratona televisiva a scopi benefici ‘Trenta ore per la vita’. Ha preso parte, come attrice, a fiction di successo, tra cui: ‘Piazza di Spagna’ (1992); ‘Amiche’ (2004); ‘Lo zia d’America 2’ (2006). E’ stata persino protagonista di uno spot per una nota azienda di cucine componibili, avente come slogan: ‘La più amata dagli italiani’. Un titolo che, ancora oggi, la descrive bene, considerando la sua popolarità. Dal 2018, la vediamo nuovamente nella veste di attrice in ‘L’Isola di Pietro 2’, seguitissima fiction di Canale 5.


Cuccarini_2.jpg

Salva


Periodico Italiano Magazine - Direttore responsabile Vittorio Lussana.
Registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010.
EDITORE: Compact edizioni divisione di Phoenix associazione culturale